Salta al contenuto principale

Italia stratosferica: 2-0 e Spagna a casa

Adesso ai quarti: ci tocca la Germania

Chiellini e Pellè a segno: fuori i campioni in carica

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 44 secondi

Antonio Conte aveva chiesto un'Italia straordinaria e i suoi ragazzi lo hanno accontentato: allo Stade de France arriva l'impresa, Spagna battuta 2-0 e quarti di finale dove ci attende la Germania.

Decidono le reti di Chiellini e Pellè ma il punteggio sarebbe potuto essere più rotondo viste le tante chance sprecate. Conte opta per De Sciglio e non Darmian per sostituire l'infortunato Candreva nel solito 3-5-2 che vede in avanti la coppia Pellè-Eder, mentre Del Bosque si affida per la quarta volta di fila allo stesso undici, un 4-3-3 che vede David Silva e Nolito ai lati di Morata, Busquets schermo davanti la difesa con Fabregas e Iniesta interni.

Sotto una fitta pioggia, l'Italia parte senza timori reverenziali e fra l'8' e il 10' sfiora per due volte il vantaggio: prima l'incornata di Pellè sulla quale De Gea si rifugia in angolo, poi la rovesciata di Giaccherini col portiere spagnolo che devia sul palo anche se Cakir fischia un gioco pericoloso da parte dell'azzurro.

La Spagna, fatta eccezione per un timido tiro di Iniesta, non riesce a rendersi pericolosa, gli azzurri meriterebbero il vantaggio e al 33' ecco l'1-0: punizione dal limite di Eder, De Gea non trattiene e sul pallone si avventa Giaccherini che riesce a toccarla per Chiellini, da due passi il centrale della Juve non può sbagliare. E nel finale di tempo altra chance per l'Italia ma ancora una volta De Gea è prodigioso sulla conclusione a giro di Giaccherini.

Nella ripresa Del Bosque gioca la carta Aduriz per Nolito, nell'Italia fuori De Rossi, dentro Thiago Motta.

La Nazionale continua a buttare al vento le occasioni per il 2-0, da Eder che si fa ipnotizzare a tu per tu con De Gea al cross di De Sciglio che il portiere spagnolo non trattiene senza che nessuno ne approfitti. Le Furie Rosse, però, riescono finalmente a scuotersi e dopo un sinistro di prima intenzione di Aduriz a lato non di molto, entra in scena con Buffon che si oppone a Iniesta prima e Piquè poi. In campo anche Insigne per Eder e Pedro per l'infortunato Aduriz, miracolo di Buffon sul tocco sottomisura di Piquè e in contropiede l'Italia chiude definitivamente i conti, con Pellè che mette in rete il pallone messo in mezzo da Darmian. Ora un nuovo capitolo dell'eterna sfida con la Germania.

IL TABELLINO

ITALIA (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Florenzi (39’st Darmian), Parolo, De Rossi (8’st Thiago Motta), Giaccherini, De Sciglio; Pellè, Eder (38’st Insigne).
In panchina: Sirigu, Marchetti, Ogbonna, Candreva, Zaza, Immobile, Sturaro, Bernardeschi, El Shaarawy.
Allenatore: Conte.
SPAGNA (4-3-3): De Gea; Juanfran, Piquè, Ramos, Jordi Alba; Fabregas, Busquets, Iniesta; David Silva, Morata (25’st Vazquez), Nolito (1’st Aduriz, 37’st Pedro).
In panchina: Casillas, Sergio Rico, Azpilicueta, Bartra, Koke, Bellerin, Thiago Alcantara, San Josè, Bruno Soriano.
Allenatore: Del Bosque.
ARBITRO: Cakir (Turchia).
RETI: 33’pt Chiellini, 46’st Pellè.
NOTE: pioggia, terreno in buona condizioni. Spettatori: 76.165.
Ammoniti: De Sciglio, Nolito, Pellè, Thiago Motta, Busquets, David Silva. Angoli: 8-5 per la Spagna. Recupero: 1’, 4’.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy