Salta al contenuto principale

Aquila, un altro addio
Giuliani verso Verona

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 52 secondi

Dopo Maurizio Buscaglia, nuove partenze in casa Aquila. Pare che ormai manchi soltanto l'ufficialità per l'approdo di Alessandro Giuliani (nella foto a destra con Salvatore Trainotti) alla Scaligera Verona.
Giuliani, 51 anni, era arrivato a Trento l'estate scorsa dopo 6 anni di gm a Brindisi per fare il direttore della Dolomiti Energia basketball Academy, con l'obiettivo di visionare e reclutare giovani talenti in giro per l'Italia e per l'Europa così da costruire piano piano una "cantera" cestistica di un certo spessore all'ombra del Bondone.

Grande amico di Salvatore Trainotti, Giuliani aveva accettato volentieri il trasferimento in Trentino per avvicinarsi agli affetti, a Castelnuovo del Garda. Ora "nuove sirene" gli giungono proprio dalle porte di casa, con la corte spietata che gli sta facendo la Tezenis di A2. In una sorta di gioco ad incastro, perso Daniele Della Fiori che tornerà a Cantù, la Scaligera ha individuato in Giuliani la figura manageriale chiave attorno cui costruire un team forte per puntare al ritorno in Serie A. 

«È vero che ci siamo parlati - ammette senza riserve Giuliani -. Verona è una società che conosco bene, seria. Al momento, però, non c'è nulla di definitivo». Per l'allenatore e manager veronese, l'approdo alla Scaligera sarebbe un ritorno nella società che l'ha visto crescere e muovere i primi passi a livello cestistico nel lontano 1989. Nel 1998 fu poi vice-coach di Andrea Mazzon nella squadra che vinse la Coppa Korac, lavorando in seguito anche con altri allenatori di spicco quali Pippo Faina e Lino Lardo. Poi tre anni da vice e da coach a Reggio Calabria, mezza stagione ad Avellino, poi Rieti e un anno a Brindisi. Nel 2012/13 un primo ritorno a Verona in qualità però di direttore sportivo con l'intuizione di ingaggiare un fenomeno come Shane Lawal (scudetto a Sassari nel 2015), poi di nuovo in Puglia per sei stagioni.
In casa Dolomiti Energia, intanto, il gm Salvatore Trainotti sta iniziando a sondare il terreno per trovare il suo sostituto che assuma anche l'incarico di responsabile del settore giovanile. Di sicuro non potrà essere Thomas Ress, che - oltre ad allenare l'Under 18 - sarà impegnato nel corso per il patentino di allenatore nazionale.
Il nuovo allenatore della prima squadra, Nicola Brienza, sarà presentato tra qualche giorno, appena avrà concluso il rapporto con Cantù.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy