Salta al contenuto principale

Impresa Aquila Under 18

Campioni d'Italia a Firenze

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 51 secondi

Trionfo sensazionale della Dolomiti Energia Trentino di coach Marchini che nell'atto finale della LBA NextGen Cup 2018-19, supera 78-64 la GrissinBon Reggio Emilia, al termine di una prestazione eccezionale che ha evidenziato la maggior compattezza e profondità del roster a disposizione della formazione trentina. La Dolomiti Energia Trentino schiera il consueto quintetto che annovera Voltolini, l'mvp della semifinale Kitsing, Picarelli, Doneda e il lungo altoatesino Ladurner. Dall'altra sponda coach Menozzi opta per il collaudato starting five composto da Besozzi, Cipolla, Maddaloni, Dellosto e Diouf , assoluto mattatore nel precedente del girone E con 27 punti segnati.

Partenza contratta delle due compagini che risentono delle fatiche accumulate nelle precedenti gare del torneo. Malgrado un totale dominio a rimbalzo (già otto catturati dopo 2') e una lampante maggior forza fisica, nelle prime battute dell'incontro Reggio fatica a dare uno strappo significativo al match (8-9 al 3'), complice la vena realizzativa di Voltolini (6 punti nel quarto) e del solito Kitsing (8). Al 6' si accende Diouf, che prosegue la sua sfida personale contro Trento, dominando sotto le plance e mettendo in crisi la retroguardia di coach Marchini, costretta a mandarlo in lunetta in svariate occasioni (10 punti e sei rimbalzi). Gli emiliani toccano il +7 al 7', quando Nzosa e un paio di liberi a testa per capitan Bernardino e Picarelli, danno ossigeno agli aquilotti, che chiudono sotto di sei.

In avvio di secondo quarto l'Aquila, nonostante un scintillante Dellosto (8 nel quarto, 11 a metà), compie un break fulmineo di 8-0, firmato Ladurner e Voltolini, ma una tripla del "solito" Dellosto ricaccia i trentini a -5. Al 14' salgono in cattedra Panopio (12 a metà) e Kitsing (14), che firmano il secondo break di giornata (10-2), portando l'Aquila avanti di tre. Sul finire del quarto, si accende il duello Kitsing-Cipolla (12) che conduce al 49-45 di metà partita.

Al rientro sul parquet, la Dolomiti Energia, dopo qualche minuto di confusione, ritrova la giusta lucidità, spingendo al massimo sull'acceleratore e macinando gioco sotto la guida dell'mvp della partita Panopio conquista la vittoria. Si è chiuso un cerchio - ha aggiunto l'allenatore ligure - siamo partiti con una sconfitta contro Reggio e abbiamo concluso con una vittoria in finale ai loro danni e complessivamente nelle ultime tre gare i ragazzi sono stati bravi a svolgere ciò di cui richiesto. Credo che questa vittoria rappresenti da un lato un passo in avanti per la società, il quale movimento sta seguendo evidentemente la direzione giusta e dall'altro per i ragazzi, che hanno vissuto un'esperienza stimolante che spero possa servire per il proseguimento della stagione».


 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy