Salta al contenuto principale

Gran difesa più Beto e Forray

L'Aquila torna a vincere

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 51 secondi

Una grandissima prestazione difensiva nel primo tempo, un Beto dominante ai rimbalzi e un Forray decisivo in attacco nella ripresa: queste le armi che permettono alla Dolomiti Energia di tornare a vincere dopo più di un mese sul proprio campo e mantenere l’imbattibilità casalinga contro l’Openjobmetis Varese.

L’estrema esiguità del vantaggio bianconero (74-71) la dice lunga sulla precarietà di un match che gli ospiti non hanno mai condotto (se non sullo 0-2) iniziale, ma che Trento ha rischiato fino all’ultimo di lasciare per strada.
L’Aquila inizia a ritmo sostenuto e spinta da Beto Gomes (5 punti) è già sopra di 6 a metà quarto (12-6), pur soffrendo la reattività di Varese ai rimbalzi d’attacco (4-2 per gli ospiti nei primi 10’). A differenza del match di domenica scorsa con Cantù, comunque, il quintetto bianconero mantiene intensità e concentrazione anche con la girandola di cambi chiudendo 16-9 il primo periodo.

Il punteggio basso è sinonimo di difesa arcigna, quello che per tutta la settimana Buscaglia ha chiesto ai suoi ragazzi. Forray e compagni eseguono alla perfezione.

Nel secondo quarto la Dolomiti Energia trova presto il +7 (21-14) con la tripla di un Beto devastante in ogni angolo del campo, ma Avramovic e l’ex Natali sempre dall’arco rispondono a tono. I bianconeri, però, sono bravi a non perdere fiducia e, tenendo alta la pressione difensiva,  costringono Varese a brutte scelte di tiro. Il vantaggio così si allarga fino al 37-26 della sirena di metà partita, nonostante un Dominique Archie bravo a leggere i cambi della difesa trentina e farsi trovare pronto sugli assist di Moore.

Ad inizio ripresa è sempre il lungo biancorosso a mandare fuori giri Pascolo segnando due triple pesantissime con cui Varese costruisce il recupero. Trento soffre la zona ordinata da Caja e la Openjobmetis è brava ad approfittarne. Complice un fallo antisportivo fischiato ad Hogue gli ospiti arrivano a -3 (47-44).
Non bastano due magate di Forray (tripla dalla punta e fallo subito) per ridare un margine di sicurezza a Trento visto che Scrubb e Iannuzzi ricuciono fino al -2 della terza sirena (50-48). Notare le cifre: Varese segna 24 punti in un quarto dopo averne fatti 26 nei primi due. Ecco l’importanza di una buona difesa.
Inizia così una nuova partita. Trento piazza subito un 7-0 firmato dalle triple di Flaccadori (che però fa 1/3 ai liberi) e ancora Forray che costringe Caja al time-out. Mossa azzeccata quella del tecnico varesino perché propizia 6 punti consecutivi della sua stella Avramovic. Nonostante la quarta tripla di serata di Forray Varese al 36’ è ancora a -1 (64-63).

Un piazzato di Hogue e la tripla di Craft potrebbero far decollare l’Aquila (69-63) ma Marble sbaglia la più facile delle penetrazioni e Scrubb dall’arco punisce Trento: a 58” dalla fine è 69-66. Marble sbaglia anche un libero e a 24” dalla fine Hogue commette il suo secondo antisportivo. Per sua fortuna Archie sbaglia i due liberi, non così Avramovic che sulla successiva rimessa a 14” segna la tripla del nuovo -1. Varese prova a vincerla col fallo sistematico ma Forray e Craft suggellano la loro grande serata con l’en-plein ai liberi e regalano una soffertissima vittoria a Trento e ai suoi tifosi.
Per ora basta così, ma se si coltivano sogni di gloria c’è ancora tanto da lavorare, tanto sui singoli (Pascolo, Marble) quanto sul gioco d’attacco. Domenica si va a Venezia, poi comincia la pausa di tre settimane: tempo per migliorare ce n’è.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy