Salta al contenuto principale

Aquila, domani ad Ankara

match decisivo in Eurocup

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

La Dolomiti Energia Trentino (3-5) domani, mercoledì 12 dicembre alle 18.00 italiane affronta allo Spor Salonu di Ankara il Turk Telekom Ankara (3-5) nel Round 9 di regular season in 7Days EuroCup.

Dustin Hogue l’ha chiamata “elimination game”, e in effetti quello fra Ankara e Trento è un match cruciale per determinare i destini delle due squadre in EuroCup. In caso di sconfitta in Turchia, la Dolomiti Energia saluterebbe per la prima volta la competizione europea nella prima fase; in caso di successo entro i 4 punti di margine, i bianconeri dovrebbero poi vincere l’ultimo turno contro Valencia (alla BLM Group Arena martedì 18) e sperare in una sconfitta di Ankara con il Partizan. Ribaltando il punteggio del match di andata invece per l’Aquila la qualificazione sarebbe ad un passo, ma legata comunque ai risultati dell’ultimo turno contro Valencia e... dello Zenit. I bianconeri devono infatti sperare che i russi (in campo stasera a Valencia!) vincano almeno una delle due prossime partite per evitare pericolosi incastri in cui peserebbero i 33 punti di passivo nel doppio confronto con la squadra di San Pietroburgo.

Troppo complicato? Per farla facile: domani bisogna vincere. Ed è molto meglio vincere di 5 che di 3.

La squadra turca però a livello di individualità non è seconda a molte squadre, in questa EuroCup: Campbell ha deciso il match di andata con una raffica di fucilate dall’arco, Gabriel e Stimac sono materiale tecnico e fisico da Eurolega. Ah, poi c’è l’ex Maccabi Sylven Landesberg che con la nazionale austriaca (sì, austriaca) ha segnato 40 punti nel solo primo tempo di una partita FIBA e al rientro dalla pausa nazionali ne ha messi 37 sul campo del Pinar Kasiyaka nel campionato turco, con 6 rimbalzi e 5 assist. Insomma, oltre a dover stringere le maglie difensive intorno al ferro, dove mancherà lo squalificato Jovanovic, la Dolomiti Energia dovrà trovare il modo anche di compattarsi sul perimetro: dalla difesa, non a caso, erano nati anche i momenti più positivi nel match di sabato a Torino.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?