Salta al contenuto principale

Aquila, Forray predica calma:

«Stiamo con i piedi per terra»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 5 secondi

Con la vittoria di ieri sera contro l'Asvel Villeurbanne, la Dolomiti Energia potrebbe aver riaperto il discorso Eurocup. Ne parla Devyn Marble commentando il match: «Una questione di buona difesa. Abbiamo giocato più duri e insieme e ottenuto questa vittoria. Il risultato di questa notte europea - prosegue la guardia statunitense - può proiettarci verso una rimonta per conquistarci l’accesso al prossimo round di Eurocup, ma è solo un punto di partenza». 

Per il capitano Toto Forray la qualificazione non è un pensiero così ossessivo: «Se arriveremo a passare il turno sarò contento, altrimenti proseguiremo comunque sulla nostra strada». Riguardo al momento positivo iniziato con i primi punti arrivati in campionato, il numero 10 commenta: «Ora dobbiamo rimanere con i piedi per terra perché, nonostante le due vittorie, stiamo solo dimostrando il nostro lavoro maturato negli allenamenti». Su quanto sia determinante l’arrivo di Aaron, il capitano aquilotto non si sbilancia: «Il ritorno di Craft non è stato decisivo per dare la svolta, ma sicuramente ci ha dato la scossa definitiva. Ha aggiunto quella fiducia che ci permette ora di far girare le partite definitivamente a nostro favore».

Anche secondo coach Maurizio Buscaglia la crescita della squadra è un processo ancora in corso: «Stiamo trovando la via giusta, lentamente. Come sappiamo, possiamo essere meglio». Ma cosa è cambiato effettivamente? «Innanzitutto - spiega il tecnico bianconero - viviamo la partita e le circostanze differentemente, anche questo è uno step in più». Il commento del match è lapidario: «Abbiamo giocato un primo tempo con errori, ma si sono viste molte cose buone. Li abbiamo costretti a 20 palle perse, cosa a cui non sono abituati. Abbiamo lavorato - prosegue Buscaglia - sul nostro pick & roll e conseguente migliorato il modo di andare a rimbalzo». Conclude ricordando la continuità del lavoro qui a Trento: «Anche oggi abbiamo gestito una situazione difficile nel quarto periodo. La abbiamo gestita e superata egregiamente».

Deluso, ma di sicuro non preoccupato per la qualificazione al prossimo turno il coach di Asvel Villeurbanne, Zvezdan Mitrovic: «Sono dovuto essere onesto con i miei ragazzi: nello spogliatoio dopo il match ho detto loro che non avremmo meritato di vincere. Trento, a cui vanno le mie congratulazioni, ha mostrato più voglia, più energia e si è meritatamente portata a casa la partita». «Forse - conclude il coach dei francesi - siamo arrivati stanchi a causa delle tante partite che giochiamo in questo periodo. Di sicuro Trento ci ha costretto a fare un gioco che non è il nostro con inferiorità netta a rimbalzo e molte palle perse».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy