Salta al contenuto principale

Eurocup, per l'Aquila

stasera c'è Ankara

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 50 secondi

Torna in campo stasera (ore 20.30) per l’Eurocup la Dolomiti Energia Trentino. L’Aquila (1-2) affronta in casa la Turk Telekom Ankara (0-3) nel Round 4 di regular season.

Dopo le opache prestazioni delle ultime settimane (5 sconfitte di fila fra campionato e coppa), coach Maurizio Buscaglia dovrà rinunciare ancora a Beto Gomes, che ha cominciato a svolgere lavoro differenziato dopo la distorsione al ginocchio destro rimediata a Villeurbanne, ma può godersi un Diego Flaccadori al top in carriera per punti (12,9), rimbalzi (3,7) e assist (3,4) nelle sue prime 7 partite stagionali. La guardia bergamasca sabato a Varese ha anche ritoccato i propri primati in punti e triple in una singola partita di Serie A (23 e 5, rispettivamente).

Il Turk Telekom Ankara non ha iniziato nei migliore dei modi la sua avventura europea 2018-19: anche a causa di un calendario particolarmente tosto (Zenit in trasferta, Valencia in casa e ASVEL in trasferta) i turchi non sono ancora riusciti a muovere la propria classifica in un girone C di cui piano piano cominciano a delinearsi i valori. Questo però non può e non deve far pensare ad Ankara come a una squadra di livello inferiore a quelle appena citate, non ultimo per il valore di un paio di giocatori che negli ultimi anni sono stati protagonisti non in EuroCup ma in Eurolega come Kenny Gabriel e Vladimir Stimac. L’ala statunitense ha cominciato la stagione con 11,7 punti di media tirando 7/13 da oltre l’arco, mentre il nazionale serbo viaggia a 12,3 punti con oltre 7 rimbalzi catturati in poco più di 23’ a serata. Occhio anche alle folate offensive del «folletto» TJ Campbell, affrontato da Trento nel 2015-16 quando il play USA vestiva la maglia di Nanterre.

«Dalla trasferta di Varese al di là della sconfitta credo che possiamo portare via qualche buon insegnamento: in attacco abbiamo fatto vedere passi in avanti e qualità che dovremo provare a mantenere nelle prossime partite, a partire da quella di domani contro Ankara» spiega Diego Flaccadori. «In difesa però possiamo e dobbiamo fare di più, sia sugli esterni che sui lunghi avversari, ci occorre crescere di squadra nella transizione difensiva e nella lotta a rimbalzo, fattori che saranno importanti anche contro un’avversaria con giocatori di alto livello offensivo come Ankara».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy