Salta al contenuto principale

Aquila, un'altra sconfitta

L'ex Tony Mitchell trascina Cantù

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 18 secondi

Una Dolomiti Energia Trentino a corrente alternata non basta per espugnare un campo caldo come Desio: i bianconeri perdono 84-72 contro la Red October Cantù padrona di casa cominciando alla grande (2-11 in apertura) ma calando alla distanza, incapaci di trovare continuità in attacco al di là degli ispiratissimi Mian (15 punti e 5/7 dall’arco) e Flaccadori (15 con 4 assist e altrettanti recuperi). Si tratta della seconda sconfitta in campionato, dopo quella all'esordio contro Cremona, e della terza consecutiva considerando l'EuroCup.

I bianconeri torneranno di scena alla BLM Group Arena di Trento mercoledì 17 ottobre in occasione del Round 3 di EuroCup contro lo Zenit San Pietroburgo prima della trasferta a Varese per il match di mezzogiorno contro l’Openjobmetis nel terzo turno di campionato. 

La cronaca: Coach Maurizio Buscaglia, complice l’assenza dell’infortunato Gomes, inserisce Mian nel suo starting five assieme a Radičević, Marble, Pascolo e Hogue. La scelta di coach Pashutin invece è quella di lasciare in tribuna Calhoun e di rafforzare il proprio reparto lunghi con il debuttante Davon Jefferson oltre a Davis e Udanoh. Sono proprio le triple di Mian (3 consecutive) a dare a Trento il primo allungo (2-11): la Dolomiti Energia sembra una macchina perfetta anche grazie alla qualità di Radičević e Hogue (7-15), ma non ha fatto i conti con la mano calda di Frank Gaines. L’esterno statunitense manda a bersaglio 5 delle sue 6 triple tentate nel giro dei primi 10’ e ribalta la situazione anche grazie ad un paio di schiacciate clamorose di Mitchell (28-24).  La Dolomiti Energia è in affanno non solo nel contenere la vena realizzativa dei brianzoli, ma anche nel trovare spaziature e ritmo in attacco (37-29), e come spesso le capita in questo avvio di stagione alterna momenti di sbandamento ad altri di grande qualità in entrambe le metà campo. Ancora una volta è Mian a suonare la carica (5/5 da tre punti), poi sono Hogue e Marble a ridare ossigeno all’Aquila portandola sul +6 con un break di 18-4 che stordisce la Red October. All’intervallo lungo si va sul 47 pari.  Il terzo quarto segue la stessa falsariga dei primi due: Cantù ha in Jefferson e Udanoh (a un passo dalla tripla-doppia) i propri trascinatori e centro area, Trento fa e disfa senza riuscire a riprendere l’inerzia del match. Flaccadori e Hogue trovano punti e giocate di talento, e sulla sirena la tripla fuori equilibrio del “Flacca” vale il 66-61. E’ l’ultimo vero sussulto dei bianconeri, che calano alla distanza non trovando contromisure ad un Mitchell incontenibile negli ultimi 10’ e che in attacco faticano a trovare riferimenti nei momenti difficili del match. Finisce 84-72. 

MAURIZIO BUSCAGLIA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO: «Questa sera abbiamo trovato qualche buona giocata in più in attacco e dal punto di vista realizzativo, specialmente nel primo tempo, ma non abbiamo giocato come avremmo voluto in difesa: cito i 20 punti segnati dalla Red October in contropiede, siamo tornati troppo spesso lenti in difesa accoppiandoci male con gli attaccanti. E cito i rimbalzi catturati dai nostri avversari, 48, un’enormità: i rimbalzi, in particolare quelli offensivi di Cantù, sono pesati molto perché da un lato ci hanno tolto l’inerzia che abbiamo avuto ad inizio match, e dall’altro ci hanno impedito di giocare in transizione con più continuità. Abbiamo finito la partita aggiustando un po’ la nostra difesa ma perdendo brillantezza e coralità in attacco, la fretta ha preso il sopravvento e ci è mancata circolazione di palla».  

Red October Cantù 84  Dolomiti Energia Trentino 72  (28-24, 47-47; 66-61) 

Red October Cantù: Gaines 16, Mitchell 17, Blakes 13, Udanoh 13, Baparapè ne, Parrillo 2, Davis 7, Tassone, Pappalardo ne, Quaglia ne, Jefferson 16, Tavernari ne. Coach Pashutin.

Dolomiti Energia Trentino: Marble 8 (1/6, 1/4), Radičević 6 (3/6, 0/5), Pascolo 9 (2/6, 1/1), Mian 15 (0/1, 5/7), Forray 6 (1/5, 1/2), Flaccadori 15 (2/3, 2/6), Mezzanotte (0/6 da 3), Doneda ne, Hogue 10 (4/6), Jovanović 3 (1/6). Coach Buscaglia. 

Arbitri: Martolini, Di Francesco e Paglialunga.

NOTE: Tiri da due: CAN 18/41, TRE 14/39. Tiri da tre: CAN 8/16, TRE 10/31. Tiri liberi: CAN 24/32, TRE 14/20. Rimbalzi: CAN 48 (Udanoh 12), TRE 36 (Hogue 7). Assist: CAN 16 (Udanoh 8), TRE 19 (Forray 6). Recuperi: CAN 7 (Udanoh 5), TRE 9 (Flaccadori 4).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy