Salta al contenuto principale

Il vice coach Dusmet e il preparatore fisico Verona

presentano il match di domani contro Sassari

Al penultimo turno di campionato un impegno duro domani a Trento per la Dolomiti Energia contro una squadra che arriva per vincere e conquistare pure lei i playoff

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 53 secondi

I bianconeri al PalaRuffini di Torino hanno infilato la sesta vittoria consecutva, la decima delle ultme 11 partite di campionato. Ottenuta la matematica qualificazione ai playof scudetto 2018, la squadra allenata da coach Maurizio Buscaglia si presenta al gran completo per il match contro Sassari di domani alle 20.45 alla Glm Group Arena: vincere potrebbe significare per i trentini tenere a portata di mano il quarto posto occupato da Avellino (contro cui la Dolomiti Energia chiuderà la regular season nel 30° turno in programma mercoledì 9 maggio alle 20.30, ultimo turno di stagione).



DAVIDE DUSMET (Assistant Coach DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «L’attacco di Sassari è fra i migliori del campionato, hanno tanti giocatori di talento che amano giocare insieme ed esaltare le qualità di ognuno. La
nostra difesa di squadra ancora una volta dovrà fare la diferenna, come spesso ci è sucesso durante la stagione e durante le ultme setmane. Non c’è tempo di pensare ai playof, vogliamo chiudere bene la regular
season e abbiamo la testa su Sassari: a maggior ragione con questa particolare situazione di classifica equilibrata è impossibile fare calcoli, dobbiamo rimanere concentrati e pront. A Torino nonostante la vittoria ci
sono stati alcuni momenti di difficoltà su entrambi i lati del campo, dobbiamo limare alcuni dettagli e cercare di mantenere tutti i nostri giocatori coinvolti: in settimana abbiamo lavorato bene da questo punto di vista».


CHRISTIAN VERONA (Preparatore Fisico DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Lo stato di forma della squadra in questo momento è più che buono: nella seconda parte della stagione abbiamo avuto meno problemi e
sfortune, ci siamo allenati tutti insieme e con grande intensità. Piano piano tutti i giocatori si sono “uniformati raggiungendo un buono stato di condivisione fsica, simile per tutti. Personalmente sono contento del lavoro
della squadra, arrivare in queste condinioni alla fase fnale di una stagione così lunga e con tante parte di coppa è un otmo risultato. Rispetto a due anni fa, l’unico confronto sensato per gli impegni in EuroCup,
abbiamo lavorato in maniera diferente, ottenendo buoni risultati. Se devo scegliere un giocatore che mi ha impressionato in quest anni non posso non nominare capitan Forray: Toto è un professionista straordinario, un
grande atleta per la quantità e la qualità del lavoro che svolge ogni singolo giorno in palestra e sul campo».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?