Salta al contenuto principale

Le scarpette rosse

festeggiano 80 anni

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 9 secondi

A una bella signora non si chiede certo l’età. Ma questa Olimpia Milano i suoi 80 anni non li dimostra affatto. Dopo tempi grigi e ben lontani dai fasti a cui i tifosi erano abituati, l’Olimpia è tornata a splendere sotto la proprietà di Giorgio Armani.

In questa stagione Milano ha messo in bacheca la sua quinta Coppa Italia, è nei quarti di finale di Eurocup (dove affronterà proprio la Dolomiti Energia Trentino) ed è in testa al campionato. Difficile volere di più, impossibile non sognare un piccolo Grande Slam a mezzo secolo esatto di distanza dal primo successo in Coppa Campioni. «Ma noi non ci accontentiamo - rivela Livio Proli, presidente dell’EA7 e plenipotenziario del gruppo Armani -. Vogliamo tornare a vincere anche in Eurolega e siamo pronti ad aumentare il budget. Giorgio Armani ama questo club, è il suo primo tifoso e non lo lascerà mai».

Per celebrare questo prestigioso compleanno la società ha pensato in grande: «80limpia» è stata presentata nella sala Buzzati di Rcs alla presenza di chi ha reso unica questa storia. Da Sandro Gamba a Dan Peterson, da Dino Meneghin a Art Kenney, da Franco Bosetti a Mason Rocca, il primo capitano dell’era Armani. Tutti in prima fila, tutti emozionati di fronte alle immagini dei trionfi, tutti sorridenti nel ricordare gustosi aneddoti: Kenney nel 1969 litigò con coach Rubini, detto il Principe, fino a strappargli la camicia di dosso, mentre l’estate successiva firmò con Milano senza nemmeno ascoltare la proposta economica del presidente Bogoncelli; Gamba invece venne scoperto dal Principe mentre con una palla di spago giocava contro un palo della luce per cercare di riacquistare la sensibilità alla mano dopo una raffica di mitra che lo aveva colpito durante la Liberazione. Destini incredibili, storie che si incrociano e che insieme hanno formato il mito. «Siamo la ventiquattresima squadra Nba» dichiarò Peterson nel 1985 dopo una partita di Korac contro la Stella Rossa: «Io sono astemio ma quella sera dovevo essere ubriaco», rettifica oggi.

Un lungo weekend di festa. Questo pomeriggio è stato inaugurato lo store ufficiale dell’Olimpia al Forum di Assago dove domani debutterà il nuovo Cubo, un ledwall a quattro facce issato sopra il campo per poter rivedere le migliori immagini della partita e non solo. Domani invece, durante l’intervallo della gara contro Torino (che durerà 30 minuti invece dei consueti 15), uno spettacolo con tutti i grandi protagonisti del passato. I giocatori di oggi invece indosseranno ai piedi le mitiche scarpette rosse e una maglia speciale che richiama lo stile degli anni ‘80, senza essere marchiata da alcuno sponsor e con un logo disegnato per l’occasione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?