Salta al contenuto principale

Francesca Schiavone

si ritira a 38 anni

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 25 secondi

«Dico addio al tennis con tutto il mio cuore. Avevo due sogni nella mia carriera: vincere il Roland Garros e diventare una Top 10. Li ho realizzati e sono davvero felice». Francesca Schiavone ha detto basta, si ritira. Stavolta non ci saranno ripensamenti. La decisione di appendere la racchetta al chiodo, più volte ventilata in queste due ultime stagioni dalla prima azzurra regina in uno Slam, è stata presa, definitivamente. La campionessa milanese, che lo scorso 23 giugno ha compiuto 38 anni, ha scelto di comunicarla a Flushing Meadows, dove per la prima volta, nel 2000, aveva giocato nel tabellone principale di un Major (arrivò al terzo turno, partendo dalle qualificazioni, prima di perdere dalla Dokic).

Sempre agli Us Open, nel 2003, finì sulla prima pagina del New York Times per un match di secondo turno giocato su quattro giorni (con ben tre cambi di campo) a causa della pioggia, vinto contro la giapponese Ai Sugiyama. Anche se poi è stata Parigi, con la storica vittoria al Roland Garros del 2010, a proiettarla nella storia.

Parigi, 5 giugno 2010 resterà una data storica: il giorno del primo trionfo azzurro al femminile in un torneo dello Slam. «Il Roland Garros farà sempre parte della mia vita. Ho partecipato a 18 edizioni di fila, l’ho vinto nel 2010 e sono arrivata in finale l’anno successivo. Conosco ogni angolo di quel torneo, gli umori e la passione della gente sulle tribune», ha detto recentemente in un’intervista. Francesca superò in finale per 6-4 7-6(2) l’australiana Samantha Stosur sdraiandosi poi a baciare la terra del «Philippe Chatrier» prima di abbracciare forte forte il suo meraviglioso trofeo. «È arrivato il momento di dire basta adesso e ho deciso di comunicarlo - con queste semplici parole, diretta come suo solito, Francesca Schiavone ha annunciato il suo ritiro - era nella mia testa già da un pò, da dopo il Roland Garros, poi mi sono serviti alcuni mesi per focalizzarlo al meglio e capire che era la cosa giusta da fare. Amo questo sport - ha detto - e sono pronta a trasmettere la mia esperienza e la mia passione».

Di tornei Major in carriera (nel main draw) l’azzurra ne ha giocati 70, di cui 61 di fila (dagli Us Open del 2000 a quelli del 2015), ad un passo dal record, 62 consecutivi, di Ai Sugiyama. E se gli organizzatori degli Australian Open del 2016 non le avessero fatto lo «sgarbo» di non concederle una wild card per il tabellone principale il primato della giapponese sarebbe sicuramente caduto.
Eppure proprio a Melbourne Francesca era stata protagonista con Svetlana Kuznetsova, negli ottavi del 2011, del match più lungo della storia: 4 ore e 44 minuti al termine dei quali l’azzurra si era imposta per 6-4 1-6 16-14, con il set decisivo durato la bellezza di 180 minuti. Nei quarti avrebbe poi pagato la fatica cedendo in tre set alla Wozniacki ma il suo miglior risultato nello Slam Down Under le avrebbe poi regalato un best ranking stellare: numero 4 Wta.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?