Salta al contenuto principale

Dopo Glasgow il ritorno a casa

dell'oro europeo Arianna Bridi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 24 secondi

Arianna Bridi, oro nella 25 km di nuoto in acque libere agli Europei di Glasgow, affabile e sorridente come sempre, è tornata nella casa di famiglia nel verde della campagna ai Ronchi per condividere lo straordinario successo con la mamma Mariagrazia, la sorella Camilla e la nipotina Caterina.

Toccata e fuga è il caso di dire, perché già oggi partirà per un periodo di relax a San Francisco negli Stati Uniti, dove parteciperà a una gara amatoriale attorno all’isola di Alcatraz; tornerà poi di nuovo in Trentino prima di riprendere, a settembre, gli allenamenti e la sua attività alla Cecchignola di Roma dove ha sede il Gruppo Sportivo Esercito, nel quale è entrata per concorso con ferma obbligatoria per quattro anni una volta ottenuta la maturità scientifica al Galilei.

Una sosta brevissima, dunque, giusto il tempo per ritemprarsi, raccontare e assaggiare piatti nostrani, dopo settimane di pasta e carni in bianco: «Mi mancano i maccheroni al ragù, gli spiedini e i peperoni e i pomodori ripieni che mi prepara la mamma!» confessa.  C’è tempo per un brindisi e per ricevere il saluto e le felicitazioni della città di Trento con l’assessore allo Sport Tiziano Uez che le anticipa come alla fine del mese, al suo rientro, il comune le dedicherà una festa; e della circoscrizione, rappresentata dal presidente Michele Ravagni e dai consiglieri Alessandro Nicolli, Marisa Postal e Andrea Ferrari, ai quali la ventitreenne campionessa rinnova la promessa di presenziare anche quest’anno alla prossima sagra dei Santi Anzoi.

È l’occasione per ritornare sulla gara tecnicamente perfetta che l’ha vista prevalere sulla fortissima olandese Van Rouwendal ma anche sugli appuntamenti che l’attenderanno nei prossimi mesi, a cominciare dalle selezioni a metà novembre ad Abu Dabi per le qualificazioni in vista dei mondiali del 2019 in Corea del Sud e delle Olimpiadi di Tokio nel 2020. È l’obiettivo più grande, che esige sacrifici, costanza e determinazione negli allenamenti in altura, in palestra, in vasca e acque libere. Arianna ripete che «le gare si vincono con gambe e braccia, ma, soprattutto, con testa e cuore. Ti muovi grazie alla forza del corpo, ma a farti andare sono una testa e un cuore che solo se sono ben temprati ti sostengono e ti accompagnano».

Ed ha parole di gratitudine per Luca Moser, presente all’incontro, il suo primo allenatore che ha creduto in lei e l’ha sostenuta, ora neo presidente della Rari Nantes nella quale Arianna è cresciuta e tuttora è tesserata. La mamma Mariagrazia ricorda gli esordi, le prime deludenti gare in piscina, la sua acquaticità però che emergeva inarrestabile e maturava, la prima gara nelle acque del lago di Caldonazzo: «Non si è mai stufata dell’acqua Arianna - dice - il suo mondo è lì; io sono contenta di lei, però durante le gare mi agito molto». Ora però è tempo per festeggiare un successo che la nuotatrice ha dedicato alla famiglia e al suo allenatore Fabrizio Antonelli.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy