Salta al contenuto principale

Vela, sui laghi di Garda e Ledro

6 regate mondiali e 4 europee

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 28 secondi

Fino al prossimo novembre sono 72 gli eventi organizzati dai cinque circoli velici trentini del Garda oltre all’associazione velica del lago di Ledro, e tra questi figurano 6 Mondiali e 4 Europei. Il totale delle giornate di gara raggiunge quest’anno quota 251, con oltre 7.500 imbarcazioni coinvolte e la partecipazione di oltre 12.300 atleti.

Tra i moltissimi eventi ospitati sui triangoli di regata del Garda trentino spicca, dal 18 al 27 maggio, la tappa di apertura del Campionato mondiale GC 32 organizzata dalla Fraglia Vela: il primo Mondiale riconosciuto ufficialmente dalla Federazione internazionale ‘World sailing’. Dal 9 al 15 luglio ci sarà invece il Campionato mondiale Yngling, una classe amata dai velisti del Nord e Centro Europa. Dal 23 al 31 agosto, inoltre, il Campionato mondiale J24, uno dei monotipi più diffusi al mondo.

«I laghi rappresentano, dalla primavera all’autunno, circa il 40% del totale delle presenze turistiche trentine, con circa 4 milioni di presenze certificate. Di questi, circa 3 milioni provengono dal Garda trentino e dal lago di Ledro. Accanto a questo abbiamo la Valsugana e Molveno, come destinazioni importanti che coprono più di 1 milione di altre presenze. È un’offerta turistica in costante crescita: se valutiamo i dati degli ultimi dieci anni, mettendo assieme i dati del Garda trentino e della Valle di Ledro, sono cresciuti del 32%, passando dai 2,2 milioni a 3 milioni di presenze. Siamo ormai ad una soglia che, nei prossimi anni, non potremo più misurare in termini di crescita, perchè nei mesi della stagione turistica abbiamo raggiunto un’occupazione che rasenta ormai quasi il 100%, quindi dobbiamo lavorare di più sulla qualità dell’offerta», spiega Maurizio Rossini, amministratore unico di Trentino Marketing.

«Il 65% dei turisti che frequentano il Garda trentino lo fa per pratiche sportive. Un dato che è invece al 50% per la Valle di Ledro. Di questi sportivi, circa il 20% pratica sport d’acqua», aggiunge Rossini.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?