Salta al contenuto principale

Villa Lagarina-Rovereto,

l'odissea di bici e pedoni

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 19 secondi

Arrivare a Rovereto in bici da Villa Lagarina, sulla Destra Adige, sembrerebbe una bella idea. A patto di non dover affrontare gimkane che costringono il ciclista a scendere dalla bici per alcuni tratti, marciapiedi con il bordo alto e auto che sfrecciano sulla rotatoria e sulla strada provinciale, rischiosa anche per gli studenti che escono da scuola e sono costretti a camminare sul bordo di via degli Alpini, sfiorati da auto e tir. Non solo, perché chi volesse percorrere di buon mattino la ciclabile della via Valdiriva dovrebbe rassegnarsi ad «una doccia al veleno», lo stesso usato per irrorare i filari di vigneti. Sergio e Silvana Pomarolli sono una coppia di coniugi sessantenni, dinamici e in piena attività, residenti a Villa Lagarina. Qualche anno fa hanno deciso, visto l’incentivo comunale, di usare le bici elettriche, il bike sharing, e di percorrere su due ruote il tragitto da casa a San Giorgio di Rovereto, dove lavorano. «Bisognerebbe intervenire per andare incontro a chi usa ogni giorno questo mezzo di trasporto - dicono sconsolati - considerato che dovrebbe essere un percorso abbastanza lineare e facile, ma che in realtà per pendolari come noi si è rivelato in più tratti essere piuttosto pericoloso».

La prima insidia, da Villa a Rovereto, è quella alla grande rotatoria all’uscita dell’A22, in cui non è segnata una pista ciclabile, e dove il punto più difficile è quello all’altezza delle immissioni delle auto provenienti da Nogaredo, dato che «gli automobilisti tendono a gettare lo sguardo lontano, non notando che a un paio di metri di distanza ci sono persone sulle bici». Il ponte sull’Adige, molto trafficato, è poi un altro percorso di sopravvivenza: «Qui un lato del marciapiedi è impraticabile poiché non è più largo di una quarantina di centimetri; sull’altro lato lo spazio invece ci sarebbe - precisano ancora - ma c’è l’obbligo di scendere dalla bici e portarla a mano, attraversando la strada senza le strisce pedonali e salendo sul marciapiede». Ma non è finita qui, perché la strada, una volta superato il ponte, si restringe e i margini per transitare con le due ruote diventano più difficili. E per arrivare da Sant’Ilario a corso Bettini non c’è una pista per le biciclette. «È vero che potremmo prendere via Valdiriva, dove all’altezza della caserma dei Vigili urbani c’è un semaforo per ciclisti e pedoni, ma allungheremmo la strada di circa due chilometri - continuano i coniugi Pomarolli - senza contare che durante la stagione sulla Valdiriva si irrorano i vigneti con il trattore e l’atomizzatore, che fa arrivare sul ciglio della strada il getto del veleno».

Infine, vita difficile in quest’area fra Rovereto e Villa Lagarina anche per i pedoni. «Durante l’anno scolastico gli studenti dell’Istituto Marconi, alla fine della giornata, imboccano via degli Alpini per raggiungere lo spiazzo del negozio “il Dado”, dove sostano i genitori con le auto. Ne vediamo però sempre meno - concludono - tutti a camminare sul bordo di via degli Alpini, in fila indiana, a poche decine di centimetri da auto e mezzi pesanti che passano a gran velocità».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy