Salta al contenuto principale

Due morti in due giorni

l'assessore Spinelli: sul lavoro

c'è ancora da fare in prevenzione

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

«I due tragici episodi che hanno coinvolto un operaio impegnato sull’acquedotto di Rango e un boscaiolo precipitato da un albero nei boschi sopra Tione richiamano ancora una volta l’attenzione sulla necessità di garantire a tutti condizioni di lavoro più sicure». Così l’assessore allo sviluppo economico e lavoro, Achille Spinelli.

«Uso volutamente il plurale perchè questo impegno non può riguardare un unico soggetto o un singolo organismo di vigilanza. Il problema degli incidenti, a volte mortali, sul lavoro investe infatti ambiti diversi, a cominciare da quello della prevenzione. È necessario - aggiunge Spinelli - un impegno straordinario per diffondere, ad ogni livello, una cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro basata sull’adozione capillare delle misure di carattere preventivo e protettivo previste dalle normative vigenti, ma che investa anche il mondo della scuola, dove si formano i lavoratori del futuro, il sistema degli appalti e quant’altro».

«La sicurezza - prosegue Spinelli - deve diventare un abito mentale tanto dei lavoratori quanto dei datori di lavoro e degli enti pubblici e dei governi, all’interno di un quadro condiviso di diritti, di responsabilità e doveri. In Trentino molto è stato fatto ma evidentemente non basta».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy