Salta al contenuto principale

Commissione dei 12, il Governo

fa le nomine, il ministro Fraccaro

si arrabbia: «scelte partitiche»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

Il ministro (trentino) Fraccaro dei 5 Stelle è furibondo, e contesta l’operato del Governo in merito al decreto della collega Stefani che ha nominato i 6 rappresentanti del Governo nella Commissione dei Dodici.

«Il ministro Stefani ha firmato il provvedimento di nomina delle Commissioni paritetiche per l’autonomia del Trentino-Alto Adige/Sudtirol, che svolgono un ruolo fondamentale di raccordo tra lo Stato, la Regione e le Province autonome. Il provvedimento è stato assunto dal Ministro senza ricorrere a quel metodo collegiale che è un punto di forza del governo del cambiamento», dice Fraccaro: «Nomine di chiara estrazione partitica», aggiunge il ministro 5 Stelle.

La decisione della ministra Stefani è stata resa nota ieri. Al Governo spetta infatti il compito di nominare i 6 rappresentanti dello Stato nella Commissioni paritetica dei Dodici per l’attuazione dello statuto di autonomia.

La ministra leghista ha scelto gli altoatesini Michl Ebner, imprenditore ed editore; Antonio Lampis, direttore generale dei musei al ministero dei beni culturali, già direttore della cultura italiana in Alto Adige; Filippo Maturi, deputato della Lega.

Completano il pacchetto delle sei nomine del governo i trentini Gianfranco Postal, ex direttore del dipartimento affari costituzionali della provincia, e gli avvocati Claudia Eccher e Maurizio Roat.

La commissione paritetica - lo ricordiamo - è formata anche dai sei componenti di nomina locale: Schullian e Scalet (indicati dal Consiglio regionale), il deputato Durnwalder e il vicepresidente leghista della giunta di Bolzano Vettori (indicati dal Consiglio provinciale di Bolzano) e Ugo Rossi e Franca Penasa (Indicati dal Consiglio provinciale di Trento).

Presidente della Commissione dei 12 potrebbe essere il Trentino Gianfranco Postal. Ma la nomina non è ancora ufficiale.

Dura la reazione del ministro per i Rapporti con il Parlamento e la Democrazia diretta. «Le nomine dei componenti, di chiara estrazione partitica, non rispecchiano in alcun modo - afferma Riccardo Fraccaro - la necessità di assegnare alle Commissioni personalità di qualità e alto profilo. La violazione del principio di collegialità, pertanto, non potrà che produrre ripercussioni negative sull’attività delle Commissioni e sulla considerazione del loro lavoro da parte della compagine di governo».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy