Salta al contenuto principale

"Partito fantasma" con l'8%

tantissime schede bianche

per molti «sono i voti del Patt»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

I commentatori lo hanno chiamato il «partito fantasma», alle elezioni suppletive in Trentino, ma in realtà secondo molti avrebbe un nome e un volto ben precisi: è il «partito fantasma» che ha ottenuto in percentuale l’8,42% dei consensi su 154.218 voti complessivi nei due collegi di Trento e Pergine Valsugana. È il partito delle schede bianche: un numero consistente, 12.992.

Il dato più elevato è quello del collegio di Trento, dove su 100.360 voti complessivi, le schede bianche sono state 8.941, l’8.9%. Nel collegio della Valsugana, invece, su 53.858 voti complessivi, le schede bianche sono state 4.051, il 7,52% del totale.

Nelle sedi dei partiti, l’analisi appare chiara: sarebbero i voti autonomisti: non essendosi presentato il Patt alle suppletive, l’indicazione di votare scheda bianca sarebbe stato un modo per «contare» i propri consensi senza esporsi direttamente.

Un’assenza pesante, che almeno nel collegio di Trento avrebbe potuto fare la differenza: gli 8 mila voti «fantasma», se fossero confluiti sul candidato del Pd Giulia Merlo, avrebbero ribaltato il risultato. Ed è inutile nascondere che - nel centrosinistra - la cosa non è piaciuta. Anche perché le prossime elezioni, fra un anno, sono anche per eleggere il sindaco di Trento e in alcune occasioni il gruppo consiliare del Patt ha strizzato l’occhio alla Lega.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy