Salta al contenuto principale

Il caso Cristoforetti: la Cgil

attacca l'"assordante silenzio

della giunta". Il PD: riferiscano

Tempo di lettura: 
2 minuti 28 secondi

Anche la Cgil del Trentino - dopo le minoranze di PD, Futura e Patt - prende posizione sul caso del Capo di Gabinetto dell’assessore provinciale Spinelli, Ivan Cristoforetti, che in privato su Twitter si sarebbe reso protagonista di commenti sessisti, razzisti ed omofobi. Da ormai cinque giorni il caso è venuto a galla, la giunta provinciale ha assicurato che “si sta vagliando il caso, con opportune verifiche”, ma debbono essere le verifiche più lunghe del mondo - dice la Cgil - visto che i fatti sono sotto gli occhi di tutti (anche se Cristoforetti ha cancellato tutti i messaggi dai suoi profili).

Scrive la Cgil: «L’assordante silenzio con cui l’assessore Spinelli e il presidente Fugatti stanno gestendo il caso del capo di gabinetto del titolare dello Sviluppo Economico conferma come non ci sia alcuna intenzione di rimuovere dall’incarico Ivan Cristoforetti per le gravissime e ripetute frasi sessiste, razziste e offensive pubblicate sul suo profilo twitter. Si tratta di affermazioni becere, inaccettabili soprattutto se prodotte da chi riveste un ruolo istituzionale e che denotano l’assenza di rispetto verso le istituzioni stesse oltre che gli interlocutori sociali e istituzionali. Chi, come stanno facendo l’assessore Spinelli e il presidente Fugatti, non prende pubblicamente le distanze, legittima quelle affermazioni e ne diventa, nei fatti, complice.
In un contesto normale chi sbaglia chiede scusa e paga per il proprio errore. Questo nuovo incidente conferma la scarsa capacità da parte dell’attuale governo provinciale, di individuare persone consapevoli della delicatezza dei ruoli che sono chiamati a ricoprire.
La vicenda squarcia il velo sui valori della nostra giunta provinciale su temi quali il rispetto delle persone, il razzismo e il rispetto delle diverse idee politiche. Tutto ciò, anche alla luce delle gravissime affermazioni sulla necessità di abolire i sindacati, per quanto ci riguarda pregiudica in modo grave i rapporti con la giunta del presidente Fugatti».

DI COSA PARLANO? Leggi l'articolo: Bufera sul Capo di Gabinetto di Spinelli

 


Martedì prossimo il Pd chiederà alla Giunta di riferire in Consiglio provinciale di Trento sulla vicenda dei tweet sessisti attribuiti al capo di gabinetto dell’assessorato allo sviluppo economico, Ivan Cristoforetti. Il Pd annuncia inoltre la presentazione di una risoluzione in merito.
«Non è accettabile - si legge in una nota - che l’istituzione provinciale sia accostata, nel paese e all’estero, a posizioni insultanti la razza, il peso, la religione, il colore politico, il genere, l’orientamento sessuale. E non è accettabile che il responsabile di un gabinetto che ha il lavoro e la cooperazione tra Paesi nelle proprie deleghe, insulti la moglie del presidente della Repubblica Francese e dichiari di voler chiudere i sindacati, ritenendo poi di poter restare al suo posto, avallato in questa sua convinzione dal silenzio di chi lo ha nominato». «Una Giunta che non si dissocia dalle parole di disprezzo verso le persone, in particolare verso le donne, si fa complice di promuovere una cultura che alimenta la violenza e ciò è intollerabile», conclude il Pd.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy