Salta al contenuto principale

Grillo attacca Salvini: «Ha pensieri

di un livello da spaghetti western.

Lo manderei a calci a a lavorare»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 5 secondi

La polemica nella maggioranza di governo si infiamma. «Ritengo le idee di Salvini allo stesso livello dei dialoghi di uno spaghetti western. Lo manderei a calci a fare il suo lavoro al Viminale... però siamo al Governo, dobbiamo essere più consapevoli»: così Beppe Grillo, caustico con il leader leghista, in un’intervista a «7» del Corriere della Sera, in edicola da domani.

«Lotta alla corruzione, reddito di cittadinanza, class action, dignità dei lavoratori»: ecco le battaglie cardine del M5S secondo il fondatore e garante del movimento. E sui vaccini, per i quali è stato molto attaccato dai no-vax delusi negli ultimi mesi, dice: «È ridicolo essere contro i vaccini in sé, ma decidere l’obbligo è una questione politica, non scientifica».

Irritata la replica di Salvini, che negli ultimi giorni è stato criticato anche da altri esponenti cinquestelle, a cominciare dall’altro vicepremier, Luigi Di Maio, che accusa il collega ministro degli Interni di fomentare un clima di tensione e di polemica nella società italiana, nonché di provocare scossone negativi alle finanze pubbliche quando parla di deficit da sforare.

«La Lega vuole continuare a lavorare, se i Cinque stelle vogliono continuare a litigare o hanno nostalgia di accordi con la sinistra lo dicano chiaramente. Se Di Maio e Grillo pensano di andare avanti insultando me e la Lega e l’Italia tutti i giorni, non penso sia cosa utile». è la risposta piccata di Salvini.

Beppe Grillo caustico con il leader leghista, in un’intervista a «7» del Corriere della Sera, in edicola da domani.

«Lotta alla corruzione, reddito di cittadinanza, class action, dignità dei lavoratori»: ecco le battaglie cardine del M5S secondo il fondatore e garante del movimento. E sui vaccini, per i quali è stato molto attaccato dai no-vax delusi negli ultimi mesi, dice: «È ridicolo essere contro i vaccini in sé, ma decidere l’obbligo è una questione politica, non scientifica».

Irritata la replica di Salvini, che negli ultimi giorni è stato criticato anche da altri esponenti cinquestelle, a cominciare dall’altro vicepremier, Luigi Di Maio, che accusa il collega ministro degli Interni di fomentare un clima di tensione e di polemica nella società italiana, nonché di provocare scossone negativi alle finanze pubbliche quando parla di deficit da sforare.

«La Lega vuole continuare a lavorare, se i Cinque stelle vogliono continuare a litigare o hanno nostalgia di accordi con la sinistra lo dicano chiaramente. Se Di Maio e Grillo pensano di andare avanti insultando me e la Lega e l’Italia tutti i giorni, non penso sia cosa utile». è la risposta piccata di Salvini.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy