Salta al contenuto principale

Salvini visita gli alpini

e rilancia: naja obbligatoria

per ragazzi e ragazze

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

In visita alla Cittadella degli Alpini a Milano, dove è in corso l’Adunata nazionale delle penne nere, il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini ha rilanciato la proposta di introdurre sei mesi di servizio civile o leva militare obbligatori.
«Continuo a ritenere da ministro e da italiano che la proposta dell’Associazione nazionale alpini di introdurre, anche per un periodo più breve, una forma di servizio civile o servizio militare, nei Pronto soccorso, Pronto intervento, Protezione civile sarebbe utile per tanti ragazzi e ragazze.
Perchè sarebbe un peccato che si andasse a spegnere questa splendida esperienza», ha detto Salvini arrivando al villaggio allestito in Piazza del Cannone.
«Questo - ha aggiunto il ministro - lo offriamo alla riflessione di tutto il Parlamento e di tutto il Paese. Io feci 12 mesi da fante. Magari 12 mesi oggi no, però sei mesi con nozioni di Pronto soccorso, Protezione civile e Pronto intervento, magari nel Corpo degli alpini, servirebbe a molti ragazzi e a molte ragazze per imparare rispetto, sacrificio, disciplina, onore, sudore e fatica. Quindi, ci riproveremo».

Sulla reintroduzione della leva obbligatoria "c'è già un progetto di legge della Lega depositato da tempo, con l'opzione servizio militare o civile, uno può scegliere, con nozioni di protezione civile, pronto intervento, antincendio. Quindi, non alla guerra ma essere operativi e svegli come quando c'è un terremoto" ha spiegato il ministro. "Temo che siamo gli unici a sostenerla però ci riproviamo" ha quindi risposto al ministro a chi gli ha chiesto se si aspetta che i suoi alleati di governo sosterranno la proposta. Quanto all'adunata, "gli alpini - ha concluso - sono la parte bella dell'Italia. Da milanese sono orgoglioso di questa invasione".

Tra i tantissimi selfie e strette di mano c’è stata anche una piccola contestazione per il Ministro durante la sua visita alla Cittadella degli Alpini a Milano, dove è in corso in questi giorni l’adunata nazionale. Due giovani, un ragazzo e una ragazza, hanno contestato il ministro al suo passaggio con una serie di «buu» e «vergogna» e «il servizio militare obbligatorio non lo vogliamo». I due, che hanno detto di essere studenti del Sud, sono stati individuati e identificati dalla polizia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy