Salta al contenuto principale

Seconde case, Fugatti chiarisce
«Permetteremo solo risanamenti»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 8 secondi

L'ipotesi - paventata nei giorni scorsi - di tornare indietro sulla legge Gilmozzi che limita, di fatto, il diffondersi delle seconde case, è stata ridimensionata dal presidente della Provincia.

Maurizio Fugatti lo ha chiarito nel corso dell'incontro con la stampa, successivo alla riunione di giunta di ieri mattina ad Ala: «Non siamo dei pazzi - ha risposto Fugatti a domanda diretta sull'argomento - che vogliono rimettere in moto quello che la Gilmozzi ha frenato e contenuto. Siamo però disponibili a valutare se ci siano delle situazioni specifiche nelle quali la normativa ha impedito il risanamento di alcuni edifici, o casi nei quali alcuni immobili siano deperiti come diretta conseguenza della norma. Di fronte a queste situazioni potremmo intervenire. Si tratta di cose minimali e particolari, non di un ritorno al pre legge Gilmozzi o di una cancellazione della norma come la conosciamo oggi».

Anche l'assessore Mario Tonina si è detto cauto sulla questione della possibile revisione della Gilmozzi: «In tante frazioni dei nostri comuni - ha specificato l'assessore - vediamo che il comune ha dovuto intervenire con misure di sicurezza su edifici privati diventati un rischio per l'incolumità pubblica: c'è da capire se queste situazioni si possano evitare o rimediare. L'impegno che ci sentiamo di prendere è quello di salvaguardare il patrimonio edilizio esistente, annullare la Gilmozzi oggi non avrebbe alcun senso. Faremo una ricognizione e poi si valuterà il da farsi».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy