Salta al contenuto principale

In poche parole l'Istat dice

che è aumentato il debito

e anche la pressione fiscale

Chiudi

spread

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 12 secondi

Nel 2018 il deficit italiano si è attestato al 2,1% del Pil contro il 2,4% del 2017. Lo conferma l’Istat in base alla nuova versione del conto annuale delle amministrazioni pubbliche. Anche il debito è confermato al 132,1% del Pil in aumento rispetto al 131,1% del 2017. Le ultime stime non sono comunque definitive, spiega l’istituto, che fornirà nuovi dati il prossimo 9 aprile.

Nel quarto trimestre del 2018 il deficit delle pubbliche amministrazioni in rapporto al Pil è stato pari al 2,0% contro l’1,9% nello stesso trimestre del 2017.

Il saldo primario (cioè l’indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato positivo, con un’incidenza sul Pil dell’1,7% (1,9% nel quarto trimestre del 2017). Nell’intero 2018 l’avanzo primario è stato pari all’1,6% del Pil contro l’1,4% del 2017.
La pressione fiscale nel trimestre è stata pari al 48,8%, in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nel 2018 è stata pari al 42,2% contro il 42,1% del 2017.

Chiusura in rialzo, ieri, per lo spread fra Btp e Bund tedesco. Il differenziale ha terminato la seduta a 257 punti contro i 253 dell’apertura. Il rendimento del decennale è pari al 2,52%. Lo spread era sotto quota 100 nel 2015.

Diminuisce invece nel quarto trimestre 2018 il potere d'acquisto delle famiglie. Secondo l'Istat il calo è stato dello 0,5% rispetto al terzo trimestre. Nello stesso periodo il reddito disponibile lordo delle famiglie consumatrici è diminuito dello 0,2%. Nonostante questo, i consumi hanno mantenuto una dinamica espansiva, a danno della propensione al risparmio che negli ultimi mesi dell'anno è stata pari al 7,6% (0,6 punti in meno rispetto ai tre mesi precedenti).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy