Salta al contenuto principale

Dopo la «dj da violentare»

nuovi guai per Kevin Masocco

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 7 secondi

L’ex presidente della Camera, Laura Boldrini, sta valutando se procedere legalmente contro il consigliere comunale della Lega a Bolzano, Kevin Masocco, finito in mezzo alle polemiche per un audio messaggio a lui attribuito in cui si sentono parole sessiste su una «dj da violentare».

Masocco ha smentito duramente di essere stato lui a pronunciare quella frase, ma ora - come riporta il quotidiano Alto Adige - per il giovane consigliere leghista, potrebbero esserci in arrivo una querela. Non per la vicenda in questione, bensì per un post pubblicato sulla pagina Facebook del consigliere nell’agosto 2017: una foto con mucche al pascolo ed il commento «Selfie con la Boldrini».

È stata l’ex presidente della Camera ad annunciare «un’azione penale o civile», attraverso le colonne dell’Alto Adige. Secondo quanto dichiarato dall’attuale deputata di Liberi e uguali al quotidiano, Masocco «non può ritenersi in diritto, per qualche like, di paragonarmi a degli animali. A Masocco bisogna far capire che le donne non sono vacche».

Di Masocco si occupano in una nota anche i Verdi dell’Alto Adige: «La vicenda di Masocco non è un caso isolato, nè un’eccezione. Masocco, insomma, non è una “mela marcia” in un cesto di frutti intatti. Al contrario, Masocco è la conseguenza logica, il prodotto naturale di un certo modo di condurre il dibattito pubblico». Lo afferma in una nota la consigliera provinciale dei Verdi, Brigitte Foppa, che interviene sulla vicenda relativa al consigliere comunale della Lega, Kevin Masocco, finito nella bufera in seguito alla pubblicazione di un audio messaggio del contenuto sessista a lui attribuito ma che questi smentisce di aver pronunciato. Foppa ritiene «importante contestualizzare l’episodio».

Secondo la consigliera provinciale - si legge in una nota - «la brutalizzazione e l’imbarbarimento dei rapporti sociali si sono fatti largo, un passo alla volta, anche qui, in Alto Adige e spesso, purtroppo, con la silenziosa presa d’atto della società civile».

A Foppa, prosegue la nota, «pare evidente che Kevin Masocco non è un errore nel sistema, ma un fedele rappresentante del sistema Lega». Per l’esponente dei Verdi dell’Alto Adige, «Tutto questo non è il retaggio estemporaneo di un singolo ragazzotto, forse un pò ubriaco, di sicuro non troppo sveglio. Tutto questo rientra organicamente nel progetto vincente di un partito che festeggia un successo dopo l’altro. Certo che dobbiamo protestare contro Kevin Masocco e le stupidaggini violente che dice. Ma non dimentichiamo da dove vengono Masocco e le sue volgarità», conclude Foppa.


 

Qui l'articolo sulla "Dj da violentare"

Qui l'intervista con la dj: "Un folle, sono preoccupata"

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy