Salta al contenuto principale

Dolomiti «Montagne di Venezia»:

il Veneto taglia fuori il Trentino

Tonina: «Così non si fa squadra»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
4 minuti 36 secondi

Le Dolomiti della Provincia di Belluno hanno deciso di correre da sole: è stato presentato ufficialmente ieri al Bit, la fiera internazionale del Turismo di Milano, il nuovo logo che rappresenterà le montagne dolomitiche venete. «The Mountains of Venice» lo slogan in inglese che compare subito sotto alla scritta, multicolore, «Dolomiti».

Una sorpresa per l’assessore provinciale al turismo Roberto Failoni, che non ne sapeva niente: «Chiederemo di questa novità nelle prossime settimane - spiega l’assessore Failoni -. Dovremo sentire Veneto e Alto Adige per i passi dolomitici nelle prossime settimane e sarà occasione per confrontarci anche su questo, magari trovare una soluzione univoca come ha saputo fare il Garda». Un logo che doveva unire le Dolomiti c’è già, quello della Fondazione Dolomiti Unesco nel cui cda compaiono rappresentanti di tutte le regioni dove si stagliano le montagne dolomitiche.

L’obiettivo del nuovo logo «veneto» è rafforzare l’identità del territorio, anche in seguito alla candidatura Milano-Cortina ai Giochi Olimpici 2026, questo è stato dichiarato in conferenza stampa a Milano dai vertici della regione Veneto, candidatura nelal quale però compare anche il Trentino. «Le Dolomiti hanno seguito la linea che è stata anche della Regione con il nuovo marchio “The land of Venice” con il marchio delle “The Mountains of Venice” - ha spiegato l’assessore regionale veneto a turismo Federico Caner -. Oltre il 46% delle montagne riconosciute dell’Unesco sono in territorio bellunese. Per noi è un orgoglio e un onore poterle esibire. Il nostro turismo non è solo domestico, ma arrivano turisti da tutto il mondo: è importante comunicare loro che vicino a Venezia ci sono montagne splendide. Il Veneto non è solo Venezia ci sono tante realtà e possibilità per un turismo emozionale».

Il progetto di branding su misura per le Dolomiti bellunesi non si limita al nuovo logo, ma prevede anche una serie di azioni dedicate a diffondere le migliori esperienze turistiche che i viaggiatori, così come i locali, troveranno nella provincia di Belluno: impianti sciistici nel comprensorio del Dolomiti Superski, collegati a diverse cittadine di montagna, durante l’inverno, o i sentieri e percorsi delle Alte vie per il periodo estivo; e ancora trekking, percorsi ciclabili, alpinismo, canyoning e parapendio. Non solo sport e paesaggi, ma anche cultura ed enogastronomia.

La replica di Mario Tonina, vicepresidente e assessore all’urbanistica, ambiente e cooperazione.

«Apprendo dai quotidiani odierni la presentazione alla Bit del nuovo marchio territoriale sviluppato dalla DMO - Destination Management Organization della Provincia di Belluno, nell’ambito di un progetto finanziato dalle Province di Trento e Bolzano a valere sul Fondo Comuni Confinanti. È certamente un fatto positivo che la Provincia di Belluno si doti di un marchio ombrello per la sua promozione, analogamente a quanto già avviene sia in Trentino che in Alto Adige. Così come è fuori discussione l’opportunità che si punti sul potenziale delle Dolomiti per la propria promozione. Ma associare al nome Dolomiti lo slogan ‘le montagne di Venezia’ è un’operazione estremamente delicata».

In prima battuta va infatti sottolineato che le Dolomiti sono un unico Patrimonio Mondiale: «Le Dolomiti sono condivise dalle Province autonome di Trento e Bolzano, dalla Regione del Veneto e dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia - prosegue il vicepresidente Tonina -. Sono state inserite nella Lista del Patrimonio Mondiale Unesco, dieci anni fa, come Bene unico, condiviso tra territori diversi. Lo sforzo fatto dalle amministrazioni in questi anni è sempre stato quello di cercare l’unità nella diversità, con l’obiettivo di promuovere le Dolomiti unitariamente, come Patrimonio delle comunità che lo abitano innanzitutto. La stessa Strategia Complessiva di Gestione del Patrimonio Dolomiti Unesco, approvata oltre che dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione anche dalle rispettive Giunte provinciali/regionali, individua come linea prioritaria la necessità di promozione coordinata e congiunta. La dicitura “le montagne di Venezia” non va esattamente nella direzione di questa idea d’insieme costruita con grande sforzo ed equilibrio. Si badi bene, non è una critica mossa da inesistenti gelosie tra vicini, quanto piuttosto la genuina preoccupazione che così facendo il sistema che ci unisce vada profondamente incrinandosi nelle sue radici più intime e profonde».

Il secondo passaggio riguarda il ruolo della Fondazione Dolomiti Unesco: «A maggio il Trentino assumerà la Presidenza della Fondazione - aggiunge Tonina - che, in questi anni, ha dimostrato di essere un’importante piattaforma di dialogo e confronto tra territori. Un laboratorio in cui sperimentare forme di governance trasversali tra territori montani. Consci del fatto che il logo del Patrimonio Mondiale Dolomiti Unesco non è - e non vuole essere - un marchio territoriale, mi auguro che si possa costruire un dialogo fattivo anche sui temi della promozione congiunta delle Dolomiti, evitando di perdere forza competitiva spacchettandole nelle ‘Dolomiti DI’. Sono convinto che in occasione della prossima seduta del Consiglio di Amministrazione della Fondazione ci si possa confrontare costruttivamente su questi aspetti».

Infine, il ruolo della montagna: «Mi sono sempre battuto - sono le conclusioni del vicepresidente Mario Tonina - per il riconoscimento della specificità della montagna. Lo slogan ‘le montagne di Venezia’ segna una visione chiaramente urbano-centrica che vede nella montagna uno spazio da utilizzare per le sue risorse e non uno spazio di vita per le popolazioni che la abitano. Comprendo certamente le ragioni del marketing, ma credo che un territorio eccezionale come quello delle Dolomiti non abbia bisogno di andare a braccetto con l’icona di Venezia. Sarebbe più importante continuare a coltivare lo spirito di squadra, coniugando la straordinarietà del Patrimonio con un’eccezionalità declinata a tutti i livelli. Con il coraggio e la lungimiranza dei montanari, che hanno sempre saputo guardare oltre le creste delle proprie montagne».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy