Salta al contenuto principale

Comuni-Conte, sulla legge

sicurezza lunedì vertice decisivo

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 8 secondi

Se sia soltanto una tregua momentanea o invece la fine definitiva di un braccio di ferro protrattosi per giorni ce lo diranno le prossime ore. E forse proprio l'incontro di lunedì con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte potrà contribuire a pacificare gli animi dei sindaci. Ieri il Consiglio direttivo dell'Anci ( nella foto il presidente Antonio Decaro) pare essere riuscito a riportare armonia dentro l'organizzazione. Il tutto dopo giorni di scontri aspri, nati dopo le prese di posizione di Orlando e de Magistris sulla legge sicurezza. A cui hanno replicato più di 400 sindaci, prevalentemente di centrodestra, che hanno difeso strenuamente la norma proposta dal ministro dell'Interno.
Il calumet della pace muove principalmente su tre proposte: la possibilità di mantenere l'accesso allo Sprar delle persone vulnerabili; l'applicazione di modalità uniformi per la presa in carico da parte delle Asl dei richiedenti asilo; il diritto a conoscere le persone presenti nei centri di accoglienza, con numero di componenti, sesso e età. «Al governo chiederemo un approfondimento tecnico - ha spiegato il presidente Antonio Decaro al termine del direttivo - che molto probabilmente porterà all'emanazione di una circolare». L'associazione dei Comuni chiederà poi anche una verifica del costo dei migranti, «perchè con 45 euro a persona non è possibile coprire i costi da parte dei sindaci». Ma bisogna fare in fretta, «perchè sulla legge sulla sicurezza non possiamo aspettare i tempi della Consulta».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy