Salta al contenuto principale

Diritti umani, presidente la leghista Pucciarelli

Aveva messo like ai «forni per i migranti»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 38 secondi

La senatrice della Lega Stefania Pucciarelli è stata eletta presidente della Commissione per la tutela dei diritti umani che nella precedente legislatura era stata guidata da Luigi Manconi.   

E soddisfazione viene espressa dai colleghi del Carroccio Massimiliano Romeo, William De Vecchis, Cesare Pianasso e Marzia Casolati: "Esprimiamo grande soddisfazione per la nomina della senatrice Stefania Pucciarelli alla presidenza della commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato. Augurandole buon lavoro, siamo certi che grazie al suo spiccato senso di responsabilità e alla sua comprovata esperienza politica saprà attendere ai compiti cui è chiamata dedicandosi con imparzialità, rispetto istituzionale e grande attenzione verso una tematica trasversale e di fondamentale importanza per la convivenza civile delle moderne democrazie".


LE POLEMICHE

"L'elezione di Stefania Pucciarelli alla presidenza della Commissione sui diritti umani al Senato è l'ennesimo atto di prepotenza della maggioranza, con la Lega che detta e il Movimento 5 Stelle che sottoscrive. Un ruolo importante sul rispetto dei diritti umani viene affidato a una senatrice che invocava, fino a qualche giorno fa, la ruspa contro i rom. E in passato era diventata nota per aver sostenuto sui social l'idea di 'dare i fornì ai migranti al posto delle case popolari". Lo dichiara Giuseppe Civati, fondatore di Possibile, commentando criticamente il voto a Palazzo Madama.   

"La Commissione sui diritti umani - aggiunge Civati - viene travolta dalla ruspa leghista ed è difficile immaginare che possa portare avanti un lavoro all'altezza del compito istituzionale che gli spetta. Ma non è certo stato un caso, o un infortunio: è tutto frutto di un disegno ben preciso per calpestare i diritti umani. Con i 5 Stelle pienamente coinvolti".

"La maggioranza grillina e leghista questa mattina ha eletto Stefania Pucciarelli presidente della Commissione per i diritti umani del Senato, una carica ricoperta nella scorsa legislatura da Luigi Manconi. Si tratta di una nomina stupefacente, si è deciso di far coordinare una commissione che si occupa di diritti delle persone escluse ad un'esponente politica che non manca occasione per esprimere tutta la sua avversione nei confronti delle persone migranti e in particolare di quelle Rom. Insomma la maggioranza ha messo una lupa nel recinto di un gregge indifeso". Lo afferma Aurelio Mancuso Presidente di Equality Italia.

"È disgustoso, per chi ogni giorno opera a sostegno di tutte le persone discriminate, in ragione della loro provenienza, credo, genere, identità o orientamento sessuale, dover assistere a una tale provocazione di cui la maggiore responsabilità portano i senatori dei 5 Stelle, un movimento che a parole nella scorsa legislatura si dichiarava vicino alle sofferenze degli esclusi e oggi, senza batter ciglio, ha eletto una leghista razzista a guida della Commissione che dovrebbe combattere ogni forma di emarginazione", conclude Mancuso.

«Aveva messo un like su un post in cui si parlava di "forni per i migranti". Attualmente è sotto processo per istigazione all'odio razziale. Oggi, grazie anche ai voti del Movimento 5 Stelle, la senatrice leghista Stefania Pucciarelli è stata eletta presidente della Commissione per i Diritti Umani del Senato, quella presieduta nella scorsa legislatura da Luigi Manconi. Tutti i giorni un nuovo passo verso una deriva culturale e politica. Ma dove vogliono portare il nostro Paese?". Lo scrive l'ex presidente della Camera Laura Boldrini.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?