Salta al contenuto principale

Andreatta: «Esaurito il mandato

torno all'insegnamento»

«Non intendo candidarmi alle politiche o alle provinciali»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 46 secondi

«Non intendo assolutamente candidarmi per le elezioni politiche o provinciali. Una volta esaurito il mio mandato da sindaco, lascerò la politica e tornerò all’insegnamento».

È quanto ha assicurato il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta, al termine del confronto convocato oggi dal sindaco a Malga Brigolina, per discutere della situazione politico-amministrativa al giro di boa della consiliatura e di quattro temi «caldi»: bilancio di previsione 2018 (serve ragionare sulle priorità), sicurezza, Prg e decentramento.

Un vertice convocato in un momento non facile per la maggioranza che regge palazzo Thun. «Insieme Trento» non è più «organica alla maggioranza». Da oggi in poi i consiglieri Vanni Scalfi, Silvio Carlin, Corrado Bungaro e Alberto Salizzoni garantiranno solo un «appoggio esterno», fedeli al programma di governo con cui il centro-sinistra-autonomista (Pd, Cantiere civico democratico, Patt e Verdi) ha vinto le elezioni, ma liberi di valutare e agire in Consiglio comunale.

I dettagli del vertice di Malga Brigolina domani sull’Adige in edicola.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy