Salta al contenuto principale

Ai Comuni turistici destinati 

8 milioni e gli altri «rosicano»

Chiudi

Madonna di Campiglio

Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 34 secondi
L’annuncio dell’assessore Carlo Daldoss della costituzione di un Fondo per i Comuni turistici di 6-8 milioni di euro nel 2017, per compensare in parte quanto questi sono chiamati a versare ogni anno a favore dei municipi più poveri (13 milioni nel 2016) è stata una sorpresa per Paride Gianmoena, presidente del Consiglio delle autonomie, che sapendo quanto il tema sia sempre motivo di tensione tra le amministrazioni, preferisce non esprimersi prima di un confronto con i colleghi (molti ieri l’hanno chiamato).
 
 «Con i sindaci dei Comuni turistici che versano risorse nel Fondo di solidarietà, che sono 55, - spiega Gianmoena - abbiamo incontrato l’assessore. Loro non vogliono defilarsi riguardo alla solidarietà sulla parte corrente, senza la quale altri Comuni non potrebbero garantire i servizi, ma chiedono alla Provincia la disponibilità di un mini-budget per gli investimenti. L’apertura dell’assessore è un bel segnale ma è un’idea da approfondire».
 
I Comuni turistici, come Pinzolo o Canazei, sono quelli che hanno più seconde case e quindi maggior gettito Imis e spesso entrate da canoni di centrali idroelettriche, inoltre tra impianti di risalita e opere pubbliche per il turismo hanno spesso goduto di forti trasferimenti di soldi dalla Provincia, quindi qualcuno storce il naso.
 
Il presidente Gianmoena si dice poi interessato all’altra idea lanciata da Daldoss, quella della «tassa di scopo» per coinvolgere i cittadini nel finanziamento di opere pubbliche. «È interessante - dice Gianmoena - da va studiata bene su come realizzarla soprattutto per la consultazione sull’opera da fare».
 
Anche il sindaco di Dro, Vittorio Fravezzi, trova interessante il coinvolgimento dei cittadini ma osserva: «Penso che sia praticabile soprattutto per opere che hanno un ritorno economico a breve, che interessano le categorie, e quindi nei Comuni turistici». Fravezzi rilancia invece la sua richiesta del ripristino di un badget di legislatura per le opere comunali.
 
(Tutto sull'Adige in edicola)
 
 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?