Salta al contenuto principale

Parisi per il federalismo: in Trentino
l'uomo nuovo del centrodestra

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 4 secondi

Parla da leader del centrodestra Stefano Parisi. Invitato ieri a chiudere il convegno su Europa e Regioni alpine, organizzato a Mezzocorona, sotto l'egida del Partito popolare europeo, l'uomo (forse) scelto da Silvio Berlusconi per sfidare il centrosinistra ribadisce i capisaldi della sua proposta politica, lanciati quindici giorni fa in una convention a Milano.
Liberal popolare.
Parla da leader e incita il popolo di centrodestra a ritrovare la propria identità. Critica, a proposito di Europa, la continua richiesta renziana di flessibilità nei conti («serve solo a finanziare le sue campagne elettorali con 80 euro al mese che non servono a niente») e ricorda come il problema dell'Italia sia invece il debito che aumenta di giorno in giorno. «L'occupazione - dice - non la si fa con la spesa pubblica ma con gli investimenti privati e bisogna creare le condizioni sburocratizzando, con un sistema fiscale stabile, con una giustizia rapida e giusta».
Referendum.
«Dobbiamo essere molto attivi nella campagna per il No perché la riforma costituzionale è il frutto di un compromesso che genera enorme confusione e rischia di peggiorare i processi decisionali.» Secondo Parisi è falso dire che se non passa questa riforma tutto resterà fermo per vent'anni e ne sottolinea gli aspetti centralistici, individuati soprattutto nella possibilità lasciata allo Stato di avocare a se le funzioni degli enti locali.
Regionalismo.
Lui si dice invece convinto federalista soprattutto in ambito fiscale. «In linea di principio - sostiene - il federalismo e l'autonomia responsabili sono la strada per valorizzare i territori. Bisogna fare in modo che l'autonomia generi responsabilità ed efficienza e soprattutto che colleghi in maniera chiara il livello di pressione tributaria locale che viene fatto coi servizi erogati in modo tale che i cittadini possano valutare per quale motivo pagano quelle imposte e se sono pagate bene o male.» Se poi qualche regione gestirà male le sue opportunità dovrà adeguarsi ai costi standard imposti dallo Stato.
Partiti.
La forma partito tipica del '900 non funziona più e secondo Parisi non sarà più possibile chiedere alla gente un'adesione totale ma occorre trovare forme dfi coinvolgimento nuove, puntando su temi singoli e campagne mirate con forme di organizzazione e comunicazione incentrate sul web. Quanto al centrodestra trentino, squassato dai personalismi e frammentato, deve avere come obiettivo l'unità. «Ma l'obiettivo più importante non è quello di ritrovare l'unità tra i diversi partiti ma la fiducia dei cittadini, che è stata persa in questi anni. Riavvicinarli all'offerta politica del centro destra. Proponendo persone integre, di qualità e proposte politiche che la gente capisca.»

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy