Salta al contenuto principale

Trentini curati fuori provincia

Per l'Apss esborso da 16,5 milioni

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 49 secondi

Il saldo negativo della mobilità sanitaria riferito alla provincia di Trento risulta stabile a 16,5 milioni di euro negli ultimi anni. È quanto emerge dalla risposta dell'assessore alla sanità, Luca Zeni, all'interrogazione del consigliere Claudio Cia incentrata sulla mobilità passiva dal 2006 al 2016, ovvero sull'andamento delle prestazioni sanitarie effettuate dai trentini fuori provincia.

A commentarla divulgando il documento è lo stesso Cia che afferma che il saldo negativo fornito da Zeni «conferma le sue preoccupazioni», anche se poi aggiunge: «L'assessore evidenzia che pur trattandosi in termini assoluti di un importo sicuramente non trascurabile, in termini relativi una quota abbastanza marginale, rappresentando meno del 2% del bilancio complessivo dell'Azienda sanitaria».

«Una parte significativa del saldo negativo - riporta Cia - è da attribuirsi alla quota legata ai trapianti d'organo che le strutture trentine non sono autorizzate ad effettuare, che incidono per oltre 4,2 milioni di euro e, dall'altro, alla quota di mobilità sanitaria dei cittadini dell'ambito del Primiero che gravitano per motivi territoriali e di confine sull'ospedale di Feltre, per oltre 3,3 milioni di euro».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?