Salta al contenuto principale

Soldi bloccati in Provincia

Rinviati i pagamenti ai fornitori

Botta e risposta in commissione: ecco tutti i documenti finanziari

Chiudi

Provincia

Apri
Tempo di lettura: 
9 minuti 11 secondi

Casse vuote in Provincia? Piazza Dante a secco, tanto da non avere nemmeno i soldi per pagare fornitori e dipendenti? Maurizio Fugatti, consigliere provinciale della Lega Nord non ha dubbi in proposito: la conferma, spiega, sarebbe arrivata dallo stesso presidente Ugo Rossi, durante una seduta della prima commissione legislativa, su precisa domanda.  

«L’anno scorso per pagare le spese dei mesi di ottobre, novembre e dicembre la Giunta Provinciale ricorse ad un’anticipazione di risorse effettuata da Cassa del Trentino per 149.000.000 - afferma Fugatti - . Quest’anno, per questioni legate al rispetto del patto di stabilità, questa operazione non sarà più possibile e la Provincia sarà costretta a trovare le risorse con altre modalità. Questi fatti sono stati confermati dal presidente, Ugo Rossi, durante la seduta della prima Commissione Legislativa, svoltasi oggi, in risposta ad una nostra precisa domanda. In pratica Rossi ha ammesso che a settembre non ci saranno più i soldi per pagare i dipendenti e i fornitori e che la Provincia sta predisponendo un piano per fare fronte a questo stato di crisi».

Ma andiamo con ordine. Rossi ha illustrato nel pomeriggio alla Prima Commissione guidata da Mattia Civico (Pd), i due disegni di legge da lui proposti per l’approvazione del Rendiconto generale della Provincia relativo al 2015, e in ordine all’assestamento del bilancio di previsione della Pat riguardante gli esercizi finanziari 2016-2018.

Rossi ha sintetizzato anche il Documento di economia e finanza provinciale 2016 (Defp), di cui per la prima volta la Giunta ha dovuto dotarsi nel rispetto delle norme sull’armonizzazione della nostra contabilità a quello dello Stato.

L’assestamento di bilancio

Rossi ha sottolineato che il ddl risponde a un’esigenza di «pulizia» del bilancio per verificarne la coerenza rispetto agli impegni di spesa assunti dalla Provincia in rapporto agli obiettivi prefissati. Per questo esaminando 66.000 voci di spesa del bilancio è stato possibile individuare nelle pieghe delle previsioni risorse eccedenti da rimettere rapidamente in circolo, soprattutto a sostegno dello sviluppo economico del Trentino. Particolarmente importante per la Provincia sono, secondo il presidente, i 47,7 milioni di euro ottenuti dallo Stato a sostegno del progetto banda larga.

La manovra di assestamento, ha poi spiegato il segretario generale della Giunta Paolo Nicoletti, utilizza 213 milioni di euro di risorse che si sono rese disponibili per la programmazione grazie a maggiori entrate e ad economie di spesa sul bilancio della Provincia e con le risorse elargite dallo stato per il progetto banda larga. 

Maggiori risorse disponibili finalizzate con l’assestamento al potenziamento del progetto banda larga (90,2 milioni di euro di cui 9 da investire nel 2015 e 14,6 autorizzati nel biennio 2019-2020), interventi sul sistema economico per 47,2 milioni di euro (l’implementazione tramite Trentino Sviluppo sia del piano di investimenti per l’infrastrutturazione del territorio a favore del turismo e dell’industria, sia delle risorse per favorire la nuova imprenditorialità, più un incremento delle risorse per la promozione turistica e la commercializzazione dei prodotti trentini), il raddoppio con un milione di euro delle risorse per il progetto «condomini verdi» (per la riduzione dei consumi energetici e il rilancio dell’edilizia attraverso contributi per spese di check up energetico degli edifici, progettazione dei lavori e abbattimento degli interessi sui mutui contratti con le banche convenzionate per finanziare gli interventi di riqualificazione, e tutto ciò in aggiunta ai benefici fiscali derivanti dalle detrazioni del 65% previste dallo Stato), il finanziamento con 30,4 milioni di euro di nuovi investimenti pubblici e il sostegno degli investimenti privati anche con finalità sociali nel campo dell’edilizia abitativa, l’incremento di 9 milioni di euro per il rinnovo dei contratti riguardanti 4 comparti pubblici, la finalizzazione del fondo per «rientro dei vitalizi» di 6,6 milioni di euro a progetti di sostegno alla famiglia e a favore dell’occupazione.

Infine una voce residuale ma con un importo molto rilevante pari a 43,3 milioni di euro, riguarda interventi di natura tecnico-contabile relativi al rimborso delle concessioni di crediti disposti dalla Regione in favore della Provincia negli ultimi anni, autorizzando in bilancio rate annuali. La rata annua autorizzata con questa manovra di assestamento ammonta a 8,2 milioni di euro.

Altre risorse serviranno per l’ammortamento del disavanzo da riaccertamento straordinario dei residui. L’approvazione del provvedimento di riaccertamento straordinario dei residui, ha ricordato Nicoletti, è prevista dopo la metà di questo mese di luglio, dopo di che la Giunta proporrà un emendamento al ddl di assestamento per l’aula, per l’iscrizione delle maggiori entrate e delle quote annue di disavanzo da ripianare. Fin d’ora il ddl accantona a questo scopo 3 milioni di euro per il 2016 e 11,3 milioni di euro per il 2017.

Defp, «nota di aggiornamento» a ottobre

Del Documento di economia e finanza provinciale del 2016, il Defp, Rossi ha evidenziato che il testo, il primo predisposto per il Trentino come imposto dalla normativa statale, «fotografa la nostra situazione socio-economia, indica i punti di forza e di debolezza del sistema ma anche le azioni già programmate dalla Giunta per favorire la soluzione dei problemi e lo sviluppo». Rossi ha precisato che il Defp non può permettersi di prefigurare scenari futuri, sia per la volatilità della situazione mondiale, sia perché l’autonomia speciale del Trentino, non disponendo della leva fiscale è molto soggetta a decisioni statali e alle previsioni sull’economia emergeranno a fine settembre dall’analogo documento di economia e finanza del governo nazionale. L’obiettivo macro, ha aggiunto il presidente, è quello di ripristinare un ciclo di interventi pubblici che assomigli a quello del passato anche se non con la stessa quantità. Investimenti pubblici che dovranno servire ad aumentare la quota di investimenti privati sul nostro territorio. «Questo è il paradigma di riferimento della nostra azione futura».

Nicoletti ha specificato che mentre il Defp riflette l’esistente in termini macro e micro, la Giunta predisporrà in ottobre una «nota di aggiornamento» di questo stesso testo per tener conto dei contenuti del documento di economia e finanza nazionale. Nota importante, ha spiegato, per prefigurare ciò che la Provincia potrà inserire nella finanziaria 2017.  

Le criticità indicate dalla Corte dei conti

Infine Rossi ha sottolineato che con il ddl riguardante l’approvazione del Rendiconto generale della Provincia relativo all’esercizio finanziario 2015, la Giunta sana le problematicità evidenziate in termine di parifica nel giudizio della Corte dei conti. Problematicità riguardanti innanzitutto la questione dei fondi regionali, transitati alle due Province e che ora finanzieranno investimenti per opere pubbliche. L’altro problema evidenziato dalla Corte dei conti riguardava la riduzione del debito dei Comuni e delle società. Per soddisfare l’organo di controllo la Giunta ha previsto di «spalmare» l’utilizzo di queste risorse pubbliche, peraltro del tutto lecito, anche oltre l’esercizio 2015. «Grazie a questa operazione – ha ricordato Rossi – il solo Comune di Trento avrà una disponibilità di oltre 4 milioni di euro».

Rossi ha sottolineato anche che il Rendiconto mostra la sostanziale invarianza della spesa corrente rispetto al 2014 nonostante l’aumento della spesa farmaceutica. E ha aggiunto che «anche altre voci avrebbero determinato un incremento della spesa corrente se la spending review prevista dal bilancio non ne avesse evitato la crescita».

Rossi ha tuttavia riconosciuto che vi è la necessità di migliorare la capacità di spesa degli enti pubblici. «Vi sono infatti – ha osservato – avanzi di amministrazione dei Comuni nell’ordine dei 50-60 milioni di euro. Occorre che queste risorse siano spese nell’anno di competenza per evitarne l’immobilizzazione in una fase in cui è importantissimo rimetterle in circolo».

Fulvia Deanesi ha poi indicato i principali dati finanziari del Rendiconto che presenta un avanzo di 56 milioni di euro. Avanzo molto ridotto rispetto a quelli cui eravamo abituati negli anni precedenti, grazie all’opera di pulizia messa in atto dalla Giunta per evitare avanzi che oggi in virtù delle nuove norme sarebbero andati perduti. Il patrimonio netto della Provincia è pari a 5.129 milioni di euro, con un aumento di 1.152 milioni rispetto al patrimonio risultante a fine 2014.

I dubbi dei consiglieri sui debiti dei Comuni e i ritardi nei pagamenti

Il presidente Rossi ha poi risposto ad alcune domande poste da Rodolfo Borga (Civica Trentina) in merito ai debiti che i Comuni avrebbero accumulato nei confronti della Provincia che ha estinto i mutui delle municipalità con le banche. «La legge – ha chiarito Rossi – ha consentito alla Provincia di utilizzare la propria cassa per sostituirsi alle banche ed estinguere il debito dei Comuni». Per la Provincia, ha proseguito il presidente, è preferibile utilizzare le risorse di cassa residue, ferme in virtù del pareggio di bilancio, per ridurre l’importo del debito dei Comuni, piuttosto che veder «scomparire» gli avanzi di amministrazione nel mare magnum di un fondo nazionale. Altrettanto importante è l’obiettivo di ridurre il debito attraverso una sua rinegoziazione a condizioni più favorevoli sia per i Comuni che per le società della Pat.

Borga ha anche osservato che rispetto alla presunta incapacità dei Comuni segnalata da Rossi, di spendere 50-60 milioni di euro, forse il problema è imputabile alla lentezza con cui la Provincia esamina le pratiche accumulando ritardi che penalizzano le municipalità. «Io non ho detto che la colpa è dei Comuni», ha risposto il presidente.

Alla domanda di Maurizio Fugatti (Lega Nord Trentino) sulle anticipazioni di cassa tramite Cassa del Trentino per provvedere a pagamenti da parte della Provincia, il presidente ha ricordato che «nel 2012 abbiamo utilizzato questo sistema sulla base di una norma del 2009 mai impugnata da nessuno e rispetto alla quale i giudizi di parifica della Corte dei conti non avevano eccepito nulla. C’era quindi fiducia in merito all’utilizzabilità di questa procedura. A fine 2014 e in previsione del 2015 la Giunta aveva incontrato su questo tema sia la Procura che la Corte dei conti. Ora nella sua istruttoria la Corte dei conti ha precisato che questa modalità di intervento non era del tutto corretta ai fini del Patto di stabilità. Per questo abbiamo deciso di non prevedere anticipazioni di cassa nel 2016. In ogni caso siamo tranquilli fino al settembre prossimo. A quel punto, se emergeranno criticità rivedremo le priorità per l’utilizzo del budget della Pat. Non vi sarà comunque – ha escluso Rossi – alcun blocco dei pagamenti, ma solo una ridefinizione di priorità. Stiamo anche lavorando in chiave politica per cercare di allentare il Patto di stabilità nel 2017».

Fugatti ha replicato che «di fronte all’emergere di criticità che potranno emergere, come ha avvertito Rossi, in settembre o ottobre, si porrà un problema perché non potremo più ricorrere a Cassa del Trentino». Il presidente ha rassicurato il consigliere ricordando che la Provincia disporrebbe in questo caso di un budget per intervenire.

Infine Borga ha chiesto ragione del mancato pagamento dei contributi per gli sfalci a favore delle aziende agricole, messe in difficoltà da questa inadempienza. Nicoletti ha risposto che vi sono problemi informatici oggettivi per il cambio del gestore. «Ora stiamo rafforzando l’organizzazione dell’agenzia per i pagamenti agli operatori agricoli in modo da snellire i pagamenti, e confidiamo di soddisfare al 100% le attesse già la prossima settimana».

Di seguito, i documenti illustrati da Rossi in commissione:

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy