Salta al contenuto principale

Acli, depositate 9.817 firme

contro i privilegi dei politici 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 2 secondi

Servivano quattromila firme, ma la quota è stata abbondantemente superata da tempo.

Le Acli Trentine venerdì pomeriggio hanno depositato al Consiglio Regionale le 9.817 firme raccolte a sostegno del disegno di legge di iniziativa popolare  che, in nove articoli, prevede la riduzione dei compensi dei consiglieri regionali da 9.800 euro lordi a 7.500 euro (corrispondenti a 4.700 euro netti mensili), l’abolizione di qualsiasi forma pensionistica per i consiglieri ancora in carica, la limitazione dei vitalizi degli ex consiglieri regionali a un massimo di 3.300 euro lordi mensili, un limite di 500 euro mensili per i rimborsi spese (contro i 1.450 euro attuali) e il dimezzamento di tutte le indennità di funzione per i consiglieri che occupano la carica di presidente del Consiglio regionale, presidente della giunta o assessore della Regione (da non confondersi le cariche ricoperte in giunta provinciale).

Secondo le Acli, che hanno avviato la campagna all’inizio di agosto, il risparmio complessivo sarebbe pari a 5.240.000 euro l’anno da utilizzare per favorire l’occupazione e per la tutela delle classi sociali più deboli. 

In questo momento il Presidente Fausto Gardumi e gli altri proponenti stanno depositando al Consiglio Regionale le 9.817 firme raccolte a sostegno del ddl di iniziativa popolare contro i privilegi.

Pubblicato da ACLI Trentine su Venerdì 29 gennaio 2016

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy