Salta al contenuto principale

Ecco le nuove fusioni

obiettivo 164 Comuni

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

In Trentino si prospetta un ulteriore taglio di Comuni. Le fusioni sul tavolo, proposte o già avviate, coinvolgono infatti 24 municipi che dovrebbero ridursi a 10 se i referendum andranno a buon fine con un calo di altri 14 unità. Si passerebbe così dagli iniziali 223 Comuni, prima che Ledro avviasse la strada, a 164 amministrazioni. Una riduzione di 59 unità, pari a oltre un quarto dei campanili comunali rispetto alla situazione iniziale che caratterizzava la nostra provincia solamente nel 2009 quando è stato avviato il primo processo di fusione. E di 14 rispetto alla situazione in vigore dal primo gennaio prossimo, quando i Comuni saranno 178.

E non è detto che, alla luce dell'andamento delle nuove collaborazioni negli ambiti per le gestioni associate e della riduzione delle risorse per i singoli municipi e l'aumento dei fondi per le Comunità di valle e per le opere sovracomunali non si possa arrivare ad altre proposte di fusione. Per ora, confermano dal Consiglio delle autonomie e dalla Provincia, sono 24 i Comuni che potrebbero andare a fusione nel prossimo maggio. Alcuni come ad esempio Varena, Daiano e Carano hanno già completato l'iter formale prima del 10 di questo mese e hanno già scelto anche il nome (Ville di Fiemme), altri hanno deciso di fondersi come Dro e Drena nei prossimi quattro anni. Ci sono realtà come San Michele e Faedo che per ora si sono affidati a lettere di intenti e potrebbero arrivare al referendum solamente se ci fosse un allungamento dei termini per approvare in Consiglio provinciale l'iter.


Ecco, per ora, i 24 Comuni che potrebbero andare a fusione e i relativi abitanti se il processo andasse a buon fine.

Val di Non : 1. Sfruz (337) e Predaia (6.623): 6.960 abitanti. 2. Malosco (468), Fondo (1.419), Ruffré (419) e eventulamente Castelfondo (634): 2.940 abitanti. Val di Sole: Malé (2.178), Croviana (686), Caldes (1.105): 3.969 abitanti. Alto Garda: Dro (4884), Drena (550): 5.434 abitanti. Rotaliana: Nave S. Rocco (1.405), Zambana (1.732): 3.137 abitanti. S. Michele (3.039), Faedo (617): 3.656 abitanti. Bassa Valsugana: Ivano Fracena (331), Castel Ivano (3.033): 3.364. Val di Fiemme : Varena (864), Daiano (644), Carano (1.087): 2.595 abitanti. Tesero (2.943), Panchià (813): 3.756 abitanti. Cavalese (4.065), Castello Molina di Fiemme (2.289): 6.354 abitanti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy