Salta al contenuto principale

#Elezioni 2015 - Gli elettori puniscono

i litigi del centrosinistra

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 57 secondi

La competizione interna e la litigiosità delle forze politiche del centrosinistra autonomista, non hanno fatto bene alla coalizione, che a livello provinciale esprime il governatore Ugo Rossi. Anche dove è riuscita a presentarsi ufficialmente compatta, ha dimostrato di non esserlo a sufficienza per rimotivare la propria base elettorale, né a fronte di una figura di sindaco un po’ appannata, come Alessandro Andreatta, né presentando un volto nuovo e giovane come Stefano Tomaselli a Pergine, per tentare di scalzare un Roberto Oss Emer, che era riuscito a farsi apprezzare con una proposta civica.

Nonostante l’assenza di un centrodestra organizzato e degno di questo nome, il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta, è precipitato dunque a rischio ballottaggio (fino a tarda notte era ancora in bilico), mentre nel 2009 era riuscito a vincere con oltre il 64% dei consensi. È un dato inaspettato e molto negativo per il centrosinistra autonomista, che vede un Pd in flessione, così come il Cantiere civico democratico, rispetto all’Upt di sei anni fa, anche se da allora è passato politicamente un secolo per questo partito.

Il nuovo progetto e simbolo di Lorenzo Dellai, a dispetto dell’azzardo del cambio del nome a due mesi dalle elezioni, è riuscito (secondo i dati parziali) a superare il 10% (risalendo la china rispetto al dato delle ultime Provinciali in città), ha dimostrato così di poter competere con il Patt di Rossi, che aveva imbarcato chiunque per puntare a diventare il secondo partito della coalizione (oggi sapremo chi l’avrà spuntata), ma ieri sera era dato in svantaggio rispetto al Cantiere dellaiano. Il Pd può gioire senz’altro per la riconferma a mani basse del sindaco Adalberto Mosaner a Riva del Garda, ma paga le faide interne a Rovereto che stanno facendo soffrire Andrea Miorandi.

Il Patt si porta a casa la vittoria del suo Andrea Brugnara a Lavis alla guida di una coalizione di centrosinistra autonomista, mentre le spaccature a Mori e a Cles stanno portando a duelli fratricidi fra i candidati del Pd e delle Stelle alpine che si sfideranno per la conquista del comune. Sul fronte del centrodestra il dato politico più rilevante è l’exploit della Lega nord (a Trento con un risultato più alto del Patt). D’altronde il Carroccio è stato l’unico partito che è riuscito a tenere testa in termini di visibilità al centrosinistra, soprattutto rispetto a una Forza Italia precipitata negli abissi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy