Salta al contenuto principale

Messico, in fila all'oleodotto bucato

per prelevare benzina

Esplosione: almeno 66 morti

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 43 secondi

Almeno 66 persone sono rimaste uccise e una settantina gravemente ustionate nel Messico centrale a causa di un enorme incendio divampato in un oleodotto che trasportava benzina, ha detto il governatore dello stato di Hidalgo, Omar Fayad.

L’oloeodotto sarebbe esploso in seguito alla perforazione illegale della conduttura, dalla quale in molti tentavano di approvvigionarsi abusivamente con dei secchi. L’enorme incendio si è verificato in una piccola città nello stato di Hidalgo a circa 100 km a nord di Città del Messico.

Il governatore Fayad ha poi assicurato via Twitter che «si stanno adottando tutte le misure necessarie per assistere i feriti e le loro famiglie». L’Assessorato alla Salute del governo di Città del Messico, che si trova ad un centinaio di chilometri da Tlahuelilpan, luogo dove è avvenuta l’esplosione dell’oleodotto, ha reso noto di avere dichiarato l’emergenza del settore ospedaliero cittadino per poter ricevere tutte le persone bisognose di cure. Da parte sua il ministero della Difesa ha comunicato che un reparto militare è stato dispiegato per rafforzare la sicurezza nella zona dove si è sviluppato un vorace incendio. La compagnia petrolifera statale Pemex ha confermato che lo scoppio è stato causato nell’oleodotto Tuxpan-Tula a seguito di una maldestra manipolazione di persone impegnate a rubare combustibile.

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador, di fronte all’emergenza causata ieri pomeriggio per l’esplosione di parte di un oleodotto nello Stato di Hidalgo, ha rivolto un appello «a tutto il governo a prestare aiuto alla gente nel posto» dove è avvenuto l’incidente. Via Twitter il capo dello Stato si è «rammaricato per l’accaduto a Tlahuelilpan», ed ha indicato che «dopo aver appreso i particolari dalla (compagnia petrolifera statale) Pemex e dal ministero della Difesa, ho dato istruzioni affinché si circoscrivano le fiamme e si aiutino le vittime». Testimoni oculari hanno riferito che il carburante è cominciato a fuoriuscire dall’oleodotto intorno alle 17 locali, mentre lo scoppio è avvenuto due ore dopo. Quando, secondo il quotidiano El Universal, circa un migliaio di persone erano accorse sul posto con ogni tipo di recipiente per raccogliere la benzina.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy