Salta al contenuto principale

Addio all'eroe Simcha Rotem

Ultimo sopravvissuto

della Rivolta del Ghetto di Varsavia

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 49 secondi

Simcha Rotem, l’ultimo sopravvissuto della Rivolta del Ghetto di Varsavia contro i nazisti nel 1943, è morto a Gerusalemme all’età di 94 anni.

Rotem - nato a Varsavia nel 1924 come Kazik Ratajzer - fu già nei suoi primi anni un membro attivo del Movimento giovanile sionista. Aveva 15 anni allo scoppio della Seconda Guerra mondiale con l’invasione tedesca della Polonia.

Nel 1942, a 18 anni, Rotem si unì all’Organizzazione ebraica di combattimento del Ghetto di Varsavia (Zob) impegnata nella resistenza armata contro i nazisti. L’anno dopo, i tedeschi diedero inizio all’attacco finale per svuotare il Ghetto dei suoi ultimi residenti: Rotem combattè quindi sotto il comando di Marek Edelman, figura leggendaria della Resistenza ebraica antinazista.

Meglio morire - raccontò - che finire nelle camere a gas di Treblinka dove i nazisti avevano inviato già 300mila ebrei. Rotem sopravvisse e continuò a combattere fino alla liberazione della Polonia. Nel 1946 emigrò in Israele dove è sempre vissuto. Il premier Benyamin Netanyahu lo ha salutato come un eroe.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy