Salta al contenuto principale

Di Maio in Cina, doppia gaffe

sul nome di Xi Jinping

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 51 secondi

Il vicepremier - e ministro dello sviluppo economico italiano - Luigi Di Maio scivola sul nome del presidente Xi Jinping che diventa «presidente Ping».

La gaffe è avvenuta al China International Import Expo (Ciie) in corso a Shanghai, durante l’intervento in italiano al forum su commercio e innovazione del pomeriggio in cui ha annoverato, tra l’altro, il reddito di cittadinanza e la riforma delle pensioni «a quota 100» nel «quadro dell’innovazione del Paese», in cui lo Stato gioca un nuovo e importante ruolo nell’economia.

Di Maio, davanti a una platea di diverse centinaia di persone tra premier, politici e due icone come Bill Gates e Jack Ma (fondatori di Microsoft e Alibaba) ha detto di aver ascoltato il discorso di apertura su globalizzazione, commerci globali e lotta al protezionismo di Xi Jinping, chiamato «il presidente Ping». Il traduttore cinese ha corretto l’errore facendolo sparire.

Nella conferenza stampa serale di Di Maio, a chiusura della missione in Cina, il lapsus è ricomparso: il presidente cinese è tornato a essere il «presidente Ping».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy