Salta al contenuto principale

Birmania: incriminati

due reporter Reuters

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 33 secondi

I due giornalisti birmani della Reuters arrestati un mese fa con l'accusa di aver violato una legge a protezione della segretezza di documenti ufficiali sono stati incriminati oggi. Se condannati in base al provvedimento, che risale ai tempi dei colonizzatori britannici, rischiano fino a 14 anni di reclusione. 

Wa Lone (31 anni) e Kyaw Soe Oo (27) furono arrestati il 12 dicembre per aver acquisito documenti segreti da due poliziotti che avevano lavorato nello stato Rakhine, dove un'offensiva dei militari - che l'Onu ha definito "un esempio da manuale di pulizia etnica" - ha costretto circa 650mila musulmani di etnia Rohingya a fuggire in Bangladesh, e che secondo Medici senza frontiere ha causato almeno 6.700 morti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy