Salta al contenuto principale

L'Austria vira a destra

e incorona il 31enne Kurz

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
4 minuti 11 secondi

AGGIORNAMENTO: Resta aperta la partita su chi si aggiudicherà il secondo posto in Austria, dopo il voto di ieri, che ha visto vincere l’Oevp di Sebastian Kurz: i dati definitivi pubblicati dal ministero dell’Interno danno la destra oltranzista del Fpoe in vantaggio sui socialdemocratici.

Ma le proiezioni, riportate da tutti i media austriaci, che tengono conto anche del voto postale il cui scrutinio è atteso per giovedì prossimo, prevedono un ribaltamento.

Stando ai risultati definitivi del ministero, Oevp ha vinto con il 31,4%, l’Fpoe è secondo con il 27,4% e l’Spoe ha preso il 26,7%. Secondo le proiezioni Orf, che comprendono anche il voto postale, l’Oevp vincerebbe al 31,6%, l’Spoe di Christian Kern conquisterebbe il secondo posto con il 26,9%, inseguito dal Fpoe di Heinz Christian Strache, dato al 26%.

AGGIORNAMENTO: i risultati quando mancano ancora i voti per corrispondenza:

AGGIORNAMENTO: ecco le proiezioni sulla base del 97,7% di seggi scrutinati:

  • Oevp      31,7% (+7,7% rispetto al 2013)
  • Spoe      26,9% (0%)
  • Fpoe      26,0% (+5,5%)
  • Neos      5,1% (+0,2%)
  • Pilz      4,3% (prima candidatura)

I Verdi, come anche tutti le altre liste, restano sotto la soglia di sbarramento del 4%.

Nel neoeletto parlamento austriaco domina il turchese, il nuovo colore del partito popolare Oevp:

  • Oevp      62 seggi (+15)
  • Spoe      52 seggi (0) Fpoe      
  • 51 seggi (+11) Neos      
  • 10 seggi (+1) Pilz       
  • 8 seggi (+8)

L’affluenza alle urne rispetto al 2013 è cresciuta dal 74,9 al 79,4%.


 

«Viva Kaiser Sebastian!». Gli austriaci hanno incoronato oggi il giovanissimo leader dei popolari alla guida del paese: a 31 anni Kurz si appresta a diventare il più giovane capo del governo in Europa.

Grazie ad una netta sterzata a destra e ad una campagna giocata sul contrasto all’immigrazione, in pochi mesi ha portato l’Oevp fuori da una profonda crisi verso il trionfo con il 31,7% dei consensi, guadagnando quasi l’8% rispetto alle elezioni del 2013. Un’impennata senza paragoni per un partito presente in Parlamento dal 1945.

Saranno invece i voti per corrispondenza a decidere il testa a testa per il secondo posto tra i socialdemocratici Spoe del cancelliere uscente Christian Kern (al 26.8%) e l’estrema destra Fpoe di Heinz Christian Strache (26%).

Gli austriaci si sono recati alle urne in una splendida e calda giornata d’autunno. Il clima politico è diventato rovente poco dopo le 17, quando a urne chiuse sono uscite le prime proiezioni. La colonna turchese (il tradizionale nero dei popolari è stato rottamato dal giovane leader a favore di un colore più trendy, ndr) è schizzata oltre il 31%, quella rossa dei socialdemocratici e quella blu dell’ultradestra si sono fermate al 26%, quella verde è rimasta addirittura sotto la soglia del 4%.

Per loro si tratta di un’amara sconfitta: per la prima volta - salvo sorprese dai voti per corrispondenza - gli ecologisti resteranno fuori dal Parlamento dall’ingresso nel 1986. I Verdi, che neanche un anno fa avevano festeggiato il successo di Alexander Van der Bellen alle presidenziali, hanno risentito soprattutto della scissione con il loro storico leader Peter Pilz, che con la sua nuova lista dovrebbe invece entrare nel Nationalrat. Stabili invece al 5% i liberali Neos.

Il cancelliere uscente Kern si è presentato alle telecamere ammettendo la sconfitta: «In Austria, come è già avvenuto in altri paesi europei, assistiamo a una forte svolta a destra che evidentemente non favorisce i movimenti socialdemocratici», ha detto, annunciando di voler restare in Parlamento anche se il suo partito dovesse passare all’opposizione. Il cancelliere in pectore Sebastian Kurz ha invece esultato in un mare turchese.

«Questo voto - ha scandito - è un chiaro mandato per realizzare le riforme e i cambiamenti voluti dai cittadini». «Kurz è il chiaro vincitore di questa tornata elettorale», ha commentato il presidente Van der Bellen, ricordando che il risultato definitivo sarà comunicato solo giovedì, dopo lo spoglio dei voti per corrispondenza.

Come già avvenuto nel duello tra Van der Bellen e Hofer, i voti per posta potrebbero favorire i partiti liberali, ma lo scenario politico ormai è definito. Kaiser Sebastian potrà scegliersi il suo partner di coalizione tra i socialdemocratici e l’estrema destra, potendo contare su una maggioranza che sfiora il 60%. Per il momento sembra molto più probabile un’alleanza con Strache (negli ultimi mesi le posizioni di Oevp e Fpoe si sono molto avvicinate), più difficile invece l’intesa con la Spoe, di certo non con un vicecancelliere Kern.

È invece tramontata l’ipotesi di un governo arcobaleno di socialdemocratici, liberali e Pilz, che si sono fermati assieme al 40%. La campagna elettorale eterna, iniziata ormai due anni fa, si è definitivamente conclusa. L’Austria, che non solo geograficamente ma anche politicamente si trova tra Merkel e Orban, ha deciso di svoltare a destra.

Salva

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?