Salta al contenuto principale

Siria, accuse al governo

Raid aerei con armi chimiche

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi

«Decine» di persone sarebbero state uccise in un raid aereo - di cui si accusa il governo di Assad - durante il quale sono state usate armi chimiche sulla provincia siriana di Idlib, controllata dagli insorti, secondo quanto riferiscono fonti dell’opposizione.

L’Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus) parla di 35 morti, tra cui 9 bambini.

Le immagini diffuse in Internet mostrano personale sanitario che sta intubando un bambino e un altro bambino con la maschera dell’ossigeno. Secondo alcune testimonianze gli intossicati presentano vomito e schiuma alla bocca.

L’attacco, secondo gli attivisti, è avvenuto sulla cittadina di Khan Sheikhun, a sud della città di Idlib che è il capoluogo della omonima provincia.

La Coalizione siriana, raggruppamento delle opposizioni con sede all’estero, accusa aerei governativi di avere compiuto il raid.

La provincia di Idlib è controllata da gruppi di insorti e dai qaedisti del Fatah al Sham, (ex Fronte al Nusra).

Secondo l’Onu, essa ospita anche 900.000 sfollati provenienti da altre zone di guerra.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy