Salta al contenuto principale

È morto Tomas Young, ha lottato per la pace nel mondo

Chiudi

Tomas Young, lo sfortunato soldato ferito in Iraq e morto a metà novembre

Apri
Tempo di lettura: 
6 minuti 39 secondi

È morto a 34 anni Tomas Young, un soldato che ha dedicato gli ultimi anni della propria vita a spargere messaggi di pace, per la pace nel mondo. La sua storia ha commosso l'america: due giorni dopo l'11 settembre, convinto dalle parole alla nazione di George W. Bush, si arruola nell'esercito. Nel 2004 viene inviato in Iraq e pochi giorni dopo il suo arrivo, mentre è disarmato su un camion, subisce l'assalto da parte di un gruppo di ribelli. Una pallottola lo colpisce alla spina dorsale e Tomas resta paralizzato dal torace in giù. Torna a Kansas City e inizia la sua attività per la pace. La sua storia ha ispirato anche un film documentario, Body of War, che racconta la vicenda di Tomas, la sua vita da disabile e la sua voglia di far sentire la sua voce contro la guerra. La colonna sonora vede protagonisti artisti del calibro di Bruce Springsteen, Neil Young, Eddie Vedder, Ben Harper, Roger Waters. Poco più di un anno fa Tomas scrive una lettera a Bush e Cheney rivendicando le proprie idee. Intanto, lentamente, le speranze di vita del ragazzo svaniscono e il 10 novembre l'eroico soldato pacifista muore.

 

LE FOTO

TOMAS YOUNG

 

TOMAS YOUNG

 

IL VIDEO

Eddie Vedder - No More (video)

 

LA LETTERA

Un messaggio a George W. Bush e Dick Cheney da un veterano morente

 

A: George W. Bush e Dick Cheney

Da: Tomas Young

 

Scrivo questa lettera nel 10 ° anniversario della guerra in Iraq a nome dei miei compagni veterani della guerra in Iraq. Scrivo questa lettera a nome dei 4.488 soldati e marines morti in Iraq. Scrivo questa lettera a nome delle centinaia di migliaia di veterani che sono stati feriti e per conto di coloro le cui ferite, fisiche e psicologiche, hanno distrutto le loro vite. Io sono uno di quelli gravemente feriti. Rimasi paralizzato in un agguato dei ribelli nel 2004 a Sadr City. La mia vita sta volgendo al termine. Sto vivendo in un ospizio.

 

Scrivo questa lettera per conto dei mariti e delle mogli che hanno perso il coniuge, a favore dei bambini che hanno perso un genitore, a nome dei padri e delle madri che hanno perso i figli e le figlie e per conto di coloro che hanno a cuore le molte migliaia dei miei colleghi veterani che hanno lesioni cerebrali. Scrivo questa lettera a nome di quei veterani che il trauma e l’ auto-repulsione per ciò che hanno visto, subito e fatto in Iraq, hanno portato al suicidio e per conto de soldati e Marines in servizio attivo che commettono, in media, un suicidio al giorno. Scrivo questa lettera a nome di circa 1 milione di iracheni morti e degli innumerevoli feriti iracheni. Scrivo questa lettera a nome di tutti noi, i detriti umani che la vostra guerra ha lasciato dietro, quelli che passano la vita nella pena senza fine e nel dolore.

 

Scrivo questa lettera, la mia ultima lettera, a voi, Bush e Cheney. Io scrivo non perché penso di cogliere le terribili conseguenze umane e morali della vostra menzogna, manipolazione e sete di ricchezza e potere. Scrivo questa lettera perché, prima della mia morte, voglio chiarire che io, e centinaia di migliaia di miei colleghi veterani, insieme a milioni di miei concittadini, insieme a centinaia di altri milioni in Iraq e in Medio Oriente, conosciamo pienamente chi siete e quello che avete fatto. Potrete sottrarvi alla giustizia, ma ai nostri occhi siete ciascuno colpevole di crimini di guerra eclatanti, di saccheggio e, infine, di omicidio, tra cui l’uccisione di migliaia di giovani americani, i miei compagni veterani, il cui futuro avete rubato.

 

Le posizioni di autorità, i milioni di dollari di patrimonio personale, i vostri consulenti di pubbliche relazioni, il vostro privilegio e il potere non possono mascherare la vacuità dei vostri personaggi. Ha mandato a combattere e morire in Iraq dopo, Mr. Cheney, che ha schivato il progetto in Vietnam, e lei, signor Bush, si assentò senza permesso dalla unità della Guardia Nazionale. La vostra vigliaccheria ed egoismo sono stati stabiliti decenni fa. Non eravate disposti a rischiare voi stessi per la nostra nazione, ma avete mandato centinaia di migliaia di giovani uomini e donne ad essere sacrificati in una guerra senza senso, senza pensare più di quanto è necessario per mettere fuori la spazzatura.

 

Sono entrato nell’esercito due giorni dopo gli attacchi dell’11 / 9. Sono entrato nell’esercito perché il nostro paese era stato attaccato. Volevo colpire coloro che avevano ucciso circa 3.000 dei miei concittadini. Io non mi ero arruolato nell’esercito per andare in Iraq, un paese che non ha partecipato agli attentati del settembre 2001 e non rappresentava una minaccia per i suoi vicini, e tanto meno per gli Stati Uniti. Io non mi ero arruolato nell’esercito per “liberare” gli iracheni o per spegnere le strutture delle mitiche armi di distruzione di massa- o per impiantare quella che cinicamente avete chiamato “democrazia” a Baghdad e nel Medio Oriente. Io non mi ero arruolato nell’esercito per ricostruire l’Iraq, che a quel tempo ci avete detto che poteva essere pagato dalle entrate petrolifere irachene. Invece, questa guerra è costata agli Stati Uniti oltre $ 3 miliardi di dollari. In particolare non ho aderito all’esercito per svolgere una guerra preventiva. La guerra preventiva è illegale secondo il diritto internazionale. E poichè sono stato un soldato in Iraq , ora io so che ho favorito la vostra idiozia e i vostri crimini. La guerra in Iraq è il più grande errore strategico nella storia degli Stati Uniti. Ha cancellato l’equilibrio di potere in Medio Oriente. E ha installato un corrotto e brutale filo-iraniano governo di Baghdad, uno cementato al potere attraverso l’uso della tortura, degli squadroni della morte e del terrore. E ha lasciato l’Iran come la forza dominante nella regione. Ad ogni livello -morale, strategico, militare ed economico- l’Iraq è stato un fallimento. E siete stati voi, Bush e Cheney, che avete iniziato questa guerra. Siete voi che dovreste pagarne le conseguenze.

 

Io non avrei scritto questa lettera se fossi stato ferito nei combattimenti in Afghanistan contro quelle forze che hanno effettuato gli attacchi del 9/11. Se fossi stato ferito sarei ancora infelice a causa del mio decadimento fisico e della morte imminente, ma avrei almeno avuto il conforto di sapere che le mie ferite erano una conseguenza della mia decisione per difendere il paese che amo. Non avrei dovuto mentire nel mio letto, il mio corpo pieno di antidolorifici, la mia vita che gli sfugge, e affrontare il fatto che centinaia di migliaia di esseri umani, compresi i bambini, me compreso, sono stati sacrificati da voi per poco più dell’avidità delle compagnie petrolifere, per la vostra alleanza con gli sceicchi del petrolio in Arabia Saudita, e le vostre visioni folli dell’impero.

 

Ho, come molti altri veterani disabili, sofferto per le cure inadeguate e spesso inette fornite dalla Veterans Administration. Come molti altri veterani disabili, mi rendo conto che le nostre ferite mentali e fisiche non sono di vostro interesse, forse di nessun interesse per qualsiasi politico. Siamo stati utilizzati. Siamo stati traditi. E noi siamo stati abbandonati. Lei, signor Bush, fa finta di essere molto cristiano. Ma mentire non è un un peccato? Non è un peccato uccidere? Non sono peccati furti e rivalità? Io non sono un cristiano. Ma io credo nell’ideale cristiano. Io credo che quello che fate al più piccolo dei vostri fratelli alla fine lo fai a te stesso, alla tua anima.

 

Il mio giorno della resa dei conti è sopra di me. Il vostro verrà. Spero che sarete messi sotto processo. Ma soprattutto mi auguro, per il vostro bene, che troviate il coraggio morale di fronte a quello che avete fatto per me e per molti, molti altri che meritavano di vivere. Mi auguro che, prima che il tempo sulla terra finisca, come il mio sta per concludersi, troviate la forza di carattere per stare davanti al pubblico americano e del mondo, e in particolare al popolo iracheno, e chiedere perdono.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy