Salta al contenuto principale

Scosse sismiche a ripetizione

fra Emilia e Toscana sopra Forlì:

paura ma nessun danno o vittima

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 46 secondi

Paura ma nessuna segnalazione di danni per persone o cose sull’Appennino tosco-emiliano dopo le scosse di terremoto di magnitudo 3.7 e 3.6 che, rispettivamente ieri sera e poco dopo mezzanotte, sono state registrate in provincia di Forlì-Cesena con epicentro fra i comuni di Premilcuore e Santa Sofia. «Nessun problema da segnalare» anche dopo la scossa notturna, conferma all’Ansa il sindaco di Santa Sofia, Daniele Valbonesi, «la gente è tranquilla».

La scossa più forte è stata rilevata ieri dall’Ingv alle 18.52, di 3.7, e descritta come un piccolo «boato» dai residenti dei paesi vicini all’epicentro, per fortuna senza conseguenze.

Poi per tutta la notte uno sciame sismico di scosse lievi, a parte quella di 3.6 registrata intorno a mezzanotte e chiaramente avvertita dalla popolazione montana, in Romagna e anche in Toscana. Ieri pomeriggio il sisma era stato nettamente avvertito sulla montagna aretina, in particolare nei comuni di Montemignaio, Poppi e Castel San Niccolò, e pure ad Arezzo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy