Salta al contenuto principale

Banca condannata a risarcire

per i diamanti venduti

al quadruplo del valore reale

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

Il Tribunale di Verona ha condannato oggi Banco Bpm a risarcire il danno causato ad un investitore dalla compravendita di diamanti di Intermaket Diamond Business.

Lo hanno reso noto gli avvocati Vincenzo e Camilla Cusumano, sottolineando che «questo provvedimento è il primo in Italia».

La vicenda riguarda un investitore indotto dalla banca (ex Banco Popolare, ora Banco Bpm) ad acquistare diamanti proposti come un «bene rifugio».

«I diamanti - evidenziano i legali - erano venduti ad un prezzo circa quattro volte il reale valore e Intermarket Diamond Business, per convincere gli investitori sulla convenienza dell’operazione, provvedeva a pubblicare finte quotazioni, che poi si sono rivelate essere pagine pubblicitarie a pagamento».

La sentenza del giudice Massimo Vaccari ha riconosciuto all’investitore il risarcimento completo del danno (quantificato in 32mila euro), ovvero la differenza tra il reale valore dei diamanti e il prezzo pagato. Non è stato invece riconosciuto il danno morale

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy