Salta al contenuto principale

Tangenti e corruzione elettorale:

arrestato il sindaco di Legnano

e mezza giunta di centro-destra

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 38 secondi

C’è il sindaco di Legnano, Gianbattista Fratus (nella foto), della Lega, tra gli arrestati nell’operazione su turbata libertà degli incanti e corruzione elettorale dei finanzieri del Comando Provinciale di Milano, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio. A Fratus sono stati concessi gli arresti domiciliari così come all’assessore alle opere pubbliche Chiara Lazzarini. In carcere invece l’assessore al bilancio e vicesindaco del comune di Legnano Maurizio Cozzi.

L’indagine condotta dalla Guardia di Finanza di Milano che ha coinvolto il sindaco di Legnano e due assessori della sua giunta è stata denominata dalla Gdf ‘Piazza Pulità. I dettagli dell’operazione - in cui sono impegnati oltre 50 finanzieri - saranno illustrati nell’ambito di una conferenza stampa in Procura, a Busto Arsizio alle 11.30.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy