Salta al contenuto principale

Furti di alveari, è allarme

per la criminalità organizzata

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

Sono sempre più frequenti e mirati i furti di alveari in Italia, tanto da parlare ormai di una vera e propria 'tratta di api regine'. E' l'allarme della Fai-Federazione Apicoltori Italiani, nel denunciare un fenomeno che, nel giro di pochi anni, ha assunto dimensioni nazionali con intensità e frequenze mai viste in passato. Il caso denunciato a Torino qualche giorno fa, dove ad un giovane apicoltore hanno rubato 34 alveari, è solo l'ultimo di una lunga serie.

Secondo la Fai-Federazione Apicoltori Italiani, il furto sistematico di interi apiari lascia presupporre l'esistenza di un vero e proprio 'mercato giallo-nero' che insidia e mina le basi dell'apicoltura e spezza le gambe a chiunque abbia investito per integrare il proprio reddito. 

"Un fenomeno che sa di criminalità organizzata - sottolinea il presidente degli Apicoltori italiani Raffaele Cirone - e che deve essere contrastato con strumenti adatti, oltre a quelli già disponibili come ad esempio polizze assicurative, videosorveglianza, arnie con antifurto e tracciamento satellitare". Secondo l'associazione si tratta di abigeato, con furto aggravato di migliaia di alveari, prima sottratti e poi ricettati. "Facciamo appello alle forze dell'ordine - conclude Cirone - affinché indirizzino la loro attenzione anche verso questo particolare genere di reato".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy