Salta al contenuto principale

Renzi: «Sarò leale. Il mio no

ha distrutto i 5 Stelle»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 22 secondi

«Onore a chi ha vinto, rispetto per il voto. Vivo come una liberazione il fatto che ci sia un nuovo segretario. Tocca ad altri. Noi daremo una mano in modo leale e trasparente». Lo dice al Corriere della sera l’ex premier Matteo Renzi, che aggiunge: «Sono stato leale con Bersani; perché non dovrei esserlo con Zingaretti? Le scissioni noi non le abbiamo fatte; le abbiamo subìte».

«Non bisogna guardare il valore assoluto - dice quindi sul Pil e la crescita nel Paese -, ma il rapporto debito-Pil. Che era salito con Berlusconi, Monti, Letta anche perché il Pil era sceso. Noi l’abbiamo stabilizzato al 131%. Ora con Conte ha ripreso a salire. E il Paese è in recessione». Come spiega allora il forte consenso che ancora ha il governo? «Sta già passando - risponde Renzi -. Intanto sono esplosi i 5 Stelle. E ne rivendico il merito».

«Quando sono andato da Fazio a dire ‘mai coi 5 Stelle’ - spiega -, l’effetto sul medio periodo è stato la distruzione dei 5 Stelle. Se avessimo fatto quell’alleanza contro natura, l’effetto sarebbe stato la distruzione del Pd e la creazione di un bipolarismo 5 Stelle-Lega. Mi sono preso gli insulti di una parte dei dirigenti che quell’accordo lo volevano; ma il mio impegno ha permesso di salvare il Pd».

Alla domanda su come andranno i democratici alle Europee, Renzi risponde: «Meglio del previsto. E pure alle amministrative, come ho detto al mio amico Dario Nardella. Il futuro del Pd è roseo». «Salvini - avverte - sta iniziando a saturare. In questo sono un esperto: ci ho messo tre anni a saturare la presenza politica. Il film è lo stesso».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy