Salta al contenuto principale

Treni in ritardo,

risarcimenti più alti

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 46 secondi

Maggiore indennizzo in caso di ritardo dei treni, una migliore informazione sull'assistenza alle persone a mobilità ridotta e un accesso facilitato per i passeggeri in bicicletta. Primo via libera dal Parlamento europeo a un pacchetto di proposte che mirano a rafforzare i diritti dei viaggiatori ferroviari.

In base al testo adottato dalla Plenaria dell'Eurocamera a Strasburgo, con una grande maggioranza - 533 a favore, 37 no e 47 astensioni - i passeggeri avranno diritto al 75% del prezzo del biglietto per un ritardo di un'ora e mezza (oggi 25% per ritardi tra una e due ore) e al 100% del prezzo del biglietto per ritardi superiori alle due ore (oggi 50%). Gli eurodeputati hanno anche aumentato il risarcimento per i ritardi superiori a un'ora dal 25% attuale al 50% del prezzo del biglietto, proponendo di «garantire che i passeggeri su viaggi che coinvolgono più di una coincidenza con biglietti separati siano pienamente tutelati», ha precisato il relatore, il polacco Boguslaw Liberadzki (S&D). «Questo è un grande giorno per i diritti dei consumatori - ha aggiunto - il Parlamento Ue prende molto sul serio i diritti dei consumatori».

Respinte invece le richieste di esentare gli operatori ferroviari dal risarcimento in caso di «circostanze eccezionali». I deputati hanno inoltre sostenuto un'eliminazione graduale anticipata delle deroghe temporanee che vengono utilizzate da alcuni Stati membri per applicare solo una parte delle norme del 2009 per i passeggeri sui servizi ferroviari nazionali. Tali deroghe dovrebbero terminare al più tardi un anno dopo l'entrata in vigore delle norme modificate. Inoltre i deputati hanno chiesto che le regole si applichino ai servizi ferroviari suburbani.

Per quanto riguarda le biciclette, le misure stabiliscono che i passeggeri hanno il diritto di portarle a bordo del treno, anche su quelli ad alta velocità, servizi a lunga distanza, transfrontalieri e locali. I treni nuovi e ristrutturati dovranno avere spazi ben indicati per il trasporto di quelle assemblate. Una volta che i 28 avranno adottato la loro posizione, potranno iniziare i negoziati sulla formulazione definitiva delle nuove norme. «Se il Parlamento riesce a fare a modo suo, i passeggeri ferroviari avranno un miglioramento dei loro diritti», ha commentato la responsabile dei consumatori europei del Beuc Monique Goyens.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy