Salta al contenuto principale

Speleologo disperso, 40 metri

per recuperarlo: ritardi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 26 secondi

Sta ritardando di qualche ora, rispetto ai tempi originariamente previsti, il salvataggio dello speleologo triestino Stefano Guarniero, 33 anni, intrappolato e ferito da sabato pomeriggio a 200 metri di profondità sul Monte Canin. Il team di soccorso, dieci tecnici più il medico e l’infermiere che sono con il ferito in grotta da sabato, hanno superato il punto critico della cascata e stanno procedendo in salita. Le comunicazioni tra esterno e interno si tengono attraverso uno speciale cavo telefonico. Mancano circa quaranta metri per il ritorno alla luce dello speleologo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?