Salta al contenuto principale

Speleologo disperso, 40 metri

per recuperarlo: ritardi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 26 secondi

Sta ritardando di qualche ora, rispetto ai tempi originariamente previsti, il salvataggio dello speleologo triestino Stefano Guarniero, 33 anni, intrappolato e ferito da sabato pomeriggio a 200 metri di profondità sul Monte Canin. Il team di soccorso, dieci tecnici più il medico e l’infermiere che sono con il ferito in grotta da sabato, hanno superato il punto critico della cascata e stanno procedendo in salita. Le comunicazioni tra esterno e interno si tengono attraverso uno speciale cavo telefonico. Mancano circa quaranta metri per il ritorno alla luce dello speleologo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy