Salta al contenuto principale

Bologna, spazi vietati a chi

si richiama al fascismo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 26 secondi

È stata approvata dal Consiglio Comunale di Bologna con 25 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune, Movimento 5 stelle, Coalizione civica), 5 voti contrari (Lega nord, Forza Italia) e 2 non votanti (Insieme Bologna), la modifica dei regolamenti per impedire la concessione di spazi pubblici e sale comunali a soggetti che si richiamano a ideologie fasciste e razziste.

Il documento ha modificato anche il regolamento dei mercati e delle fiere vietando la vendita di riproduzioni di beni raffiguranti persone, immagini o simboli riferiti al partito fascista, fabbricati in epoche storiche successive al ventennio fascista.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy