Salta al contenuto principale

Don Ciotti: «Fiction tv,

a volte cattivo esempio»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 38 secondi

«Ben vengano allora le fiction sulla mafia. Ma interroghiamoci sull’impatto che queste rappresentazione crude e sinistramente affascinanti possono avere su menti suggestionabili e poco attrezzate. Non invoco nessuna censura, beninteso! Ma mi chiedo se l’arte, il cinema, la letteratura siano solo identificazione emotiva e non anche riflessione, dubbio, coscienza critica». Lo ha sottolineato il presidente di Libera, don Luigi Ciotti, alla manifestazione Contromafie e corruzione.

Don Ciotti era partito nel suo ragionamento dal fenomeno delle «baby gang» che «sono anche il frutto della dispersione scolastica, della povertà diffusa, di un sistema di consumo che propone a ogni livello modelli di forza, di possesso, di supremazia. Domina la retorica del boss, del superuomo, del capobranco che comanda, non conosce limiti e tratta le donne come oggetti personali».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy